Cronaca Codognè

Furti in casa, il sindaco punta il dito contro i braccianti stranieri

Secondo Lisa Tommasella, primo cittadino di Codogné, sarebbero loro i responsabili di una raffica di episodi di cui quattro avvenuti nei giorni scorsi a Roverbasso

Braccianti agricoli stranieri nel mirino della polizia locale di Codognè. Sarebbero loro infatti, secondo la sindaca Lisa Tommasella, i primi indiziati dei furti a raffica che venerdì scorso, 10 settembre, che hanno visto quattro abitazioni svaligiate a Roverbasso.

«Il Comune, memore di quanto avvenuto negli anni scorsi durante il periodo invernale - spiega la Tommasella -  aveva chiesto alle cooperative che assumono braccianti di fornire nomi e luogo di alloggio dei lavoratori. Sono delle "scatole cinesi", ci  sono realtà economiche ma  anche dei "referenti" che operano sul territorio e ho chiesto di avere copia di carte d'identità o passaporto di chi viene ospitato, ma solamente una cooperativa mi ha risposto. Adesso con la polizia locale passeremo tutti gli appartamenti che vengono dato in locazione e domanderemo i documenti. Abbiamo allertato i carabinieri».

Secondo l'amministrazione comunale are che la maggior parte dei braccianti agricoli sia di nazionalità macedone. «Adesso avvieremo la schedatura, farò un incontro con le cooperative perché devono dare spiegazioni - afferma il sindaco - non chiederemo l'esercito alla Prefettura, ma non vogliamo si verifichi una "mattanza di furti" come accaduto nel 2019»

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti in casa, il sindaco punta il dito contro i braccianti stranieri

TrevisoToday è in caricamento