Ladri acrobati in azione: quattro furti messi a segno in poche ore

I colpi sono avvenuti nei giorni scorsi a Cappella Maggiore e la frazione di Anzano. Si sono arrampicati fino alle finestre del secondo piano. Il Comune intensifica i controlli

Ladri acrobati scatenati nella zona di Cappella Maggiore. Nei giorni scorsi una banda di malviventi ha messo a segno quattro colpi nel giro di poche ore. In due casi non hanno trovato nulla da rubare ma, in altri due furti, sono riusciti a fuggire con un discreto bottino.

Come riportato da "La Tribuna di Treviso", tutto è partito dalla piazza principale di Cappella Maggiore, sopra il bar Bucco. Verso le ore 21, quando il locale era ancora pieno di clienti, i malviventi si sono arrampicati al secondo piano entrando da una finestra nell'appartamento sopra il locale, per fortuna senza nessuno all'interno. Cercavano soldi e gioielli ma sono dovuti fuggire a mani vuote. Pochi minuti più tardi hanno messo nel mirino una villetta in Via Crispi. Anche in questo caso sono fuggiti dopo aver messo a soqquadro tutte le stanze senza però trovare nulla da portare via. I ladri sono andati a segno negli ultimi due colpi avvenuti ad Anzano. Dopo essersi arrampicati sui muri ed essere entrati dalle finestre di due abitazioni sono riusciti a rubare oro e gioielli. Il sospetto delle forze dell'ordine è che si tratti di una banda proveniente da fuori regione, specializzata in furti di questo tipo. Il Comune ha deciso di intensificare i controlli nelle ore cruciali della giornata sperando di poter limitare nuovi episodi di questo tipo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

Torna su
TrevisoToday è in caricamento