menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fanno razzia in una scuola: tre giovanissimi finiscono in manette

Un 20enne marocchino e due ragazzi di 16 anni protagonisti di un atto vandalico alla scuola De Gasperi di Motta di Livenza. Tutti arrestati

MOTTA DI LIVENZA- Prima hanno forzato le porte dell'istituto con una serie di arnesi da scasso, poi hanno deciso di scassinare il distributore automatico di merendine, ma il loro piano alla fine è stato scoperto.

Sono tre ragazzi giovanissimi i protagonisti di un furto alle elementari De Gasperi di Motta di Livenza. I carabinieri li hanno arrestati durante un turno di pattuglia, dopo essersi accorti che qualcosa non andava. Come riportato dalla stampa locale, i ladri sono un 20enne di origini marocchine e due ragazzi di 16 anni, uno italiano e l'altro straniero. Nei loro zaini sono state trovate, oltre agli arnesi da scasso utilizzati per forzare la porta d'ingresso della scuola, diverse merendine e bevande, oltre alle monete asportate dai distributori automatici. Un atto vandalico in piena regola insomma.

Dopo esser stati arrestati, il ragazzo maggiorenne  è stato rimesso in libertà in attesa dell'interrogatorio di convalida dell'arresto che si terrà la prossima settimana. Per i due 16enni, per cui procede la procura dei minori di Venezia, sono stati disposti gli arresti domiciliari. Ulteriori indagini sono in corso per capire se il trio abbia colpito in precedenza visto che nella zona sono stati commessi altri furti con le stesse modalità e che adesso potrebbero essere contestati proprio a loro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Montebelluna, la mamma di Mattia ai funerali: «Chi ha sbagliato pagherà»

  • Attualità

    Vaccinazioni, Benazzi difende l'infermiera: «Non è una No Vax»

  • Attualità

    Vax Day per i 70enni: «Code in mattinata, rifiuti per AstraZeneca»

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento