menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In foto: il bar dov'è avvenuto il furto

In foto: il bar dov'è avvenuto il furto

Ruba telefono e portafoglio alla titolare del bar, ladra bloccata dai residenti

L'episodio è avvenuto martedì mattina, 9 aprile, al bar da Nico e Anna in viale Montegrappa a Treviso. La ladra, una trentenne italiana con precedenti, è finita in cella

Erano da poco passate le 8.30 di martedì 9 aprile quando una donna italiana sui trent'anni è entrata al bar di “Nico e Anna” in viale Montegrappa a Treviso ordinando una spremuta d'arancia e un bicchiere d'acqua. 

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso" però, dopo questa normale ordinazione la donna ha chiesto alla titolare del bar di poter mettere in carica il suo cellulare. Da quel momento i fatti si sono succeduti in maniera molto rapida. Dopo aver bevuto acqua e spremuta la donna ha pagato il conto ma, prima di andarsene, oltre a riprendersi il suo cellulare ha rubato da dietro il bancone anche quello della titolare del bar portandole via pure il portafoglio con dentro bancomat e 300 euro in contanti. Nicoletta, che stava servendo la clientela non si è accorta del furto ai suoi danni ma un cliente che aveva assistito alla scena ha subito lanciato l'allarme: «Ti ha rubato il telefono!» ha urlato il signore alla titolare. A quel punto è partito l'inseguimento: la titolare del bar è uscita in strada e ha lanciato l'allarme chiedendo aiuto ai passanti perché bloccassero la ladra in fuga. Il primo a bloccare la donna è stato un avvocato che è riuscito a far perdere alla ladra il portafoglio rubato. La malvivente è però riuscita a scappare nel giardino di una casa vicina. Fondamentale, per catturarla, l'intervento di altri due residenti del quartiere che hanno rincorso la ladra scavalcando le recinzioni di altri due cortili e bloccandola fino all'arrivo delle forze dell'ordine. La donna, già nota per alcuni precedenti legati a scippi e furti, è stata trattenuta nella cella del comando dei carabinieri in via Cornarotta in attesa di giudizio. La titolare del bar, dopo aver recuperato soldi e telefono ha voluto esprimere un grandissimo ringraziamento a tutti i trevigiani che si sono mobilitati per aiutarla. Un gesto di grande altruismo che ha scongiurato l'ennesimo furto in città.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento