Ladri in fuga con la cassaforte: svaligiato il bar della Provincia

Il furto è avvenuto nella notte tra lunedì 30 settembre e martedì 1 ottobre. Sul posto gli uomini della Polizia. Fondamentali le immagini delle videocamere di sorveglianza

Quattro anni dopo l'ultimo furto, il bar del Sant'Artemio, quartier generale della Provincia di Treviso, è stato preso di mira un'altra volta dai ladri. Il malvivente, ancora sconosciuto, è entrato in azione nella notte tra lunedì 30 settembre e martedì 1 ottobre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riportato da "La Tribuna di Treviso", il furto è stato scoperto solo la mattina seguente da una delle dipendenti che ha subito chiamato sul posto gli agenti della Polizia. Il ladro, agendo indisturbato, è riuscito a impossessarsi di tutti i soldi presenti nella cassaforte. Un bottino che sta venendo quantificato in queste ore dagli inquirenti. Fondamentali nelle indagini potrebbero essere i filmati delle videocamere di sorveglianza. Il bar si trova molto vicino all'auditorium della Provincia. Una zona monitorata da numerosi occhi elettronici dai quali è praticamente impossibile passare inosservati. La speranza è che le telecamere possano fornire indirizzi utili sull'identikit del ladro fuggito con i soldi. L'episodio ha riportato subito alla mente dei titolari la spaventosa rapina avvenuta nel 2015 quando 2 ladri avevano narcotizzato la titolare Petra De Zanet per poi fuggire con ben 2mila euro di bottino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bar presi d'assalto, Zaia furioso: «Se continua così chiudo tutto»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

  • Guarisce dal Coronavirus e lancia un appello ai giovani: «Evitate la movida»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento