menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La sede della Lilt a Vittorio Veneto (Foto tratta da Facebook)

La sede della Lilt a Vittorio Veneto (Foto tratta da Facebook)

Ladri senza scrupoli: derubata la sede della Lilt, danni per migliaia di euro

Furto ignobile da parte di due malviventi ripresi dalle videocamere. Cercavano soldi ma sono riusciti a rubare solo borsa e computer di un medico provocando molti danni

Hanno aspettato di entrare in azione nel bel mezzo della notte sperando di non essere visti da nessuno. Scavalcata la recinzione esterna, hanno rotto la videocamera di sorveglianza con un bastone e, una volta fatto scattare l’allarme, hanno distrutto anche i sensori mandandoli fuori uso nel giro di pochi secondi.

Una spaccata a dir poco meschina perché questa volta, come riportato da "Il Gazzetino di Treviso", a finire nel mirino dei ladri è stata la sede dell'associazione Lilt di Vittorio Veneto, in via Pietro Mascagni. Un centro mandato avanti dalla passione di un gruppo di volontari che non ricevono nemmeno i rimborsi per la benzina. L'allarme è scattato alle 3 di notte. I malviventi speravano di trovare soldi e oggetti di valore ma si sono dovuti accontentare di un bottino ben più misero. In un primo momento hanno cercato di aprire una cassaforte al cui interno non c'erano soldi. Alla fine, per non andarsene a mani vuote, hanno rubato la borsa di una dottoressa con all'interno il suo computer. Tantissimi i danni provocati dai due ladri che non si sono preoccupati di mostrare le prove del loro passaggio all'interno della sede Lilt. Prima di essere rotta, la videocamera di sorveglianza sopra la porta d'ingresso ha ripreso i due banditi e, proprio sulle immagini di quel filmato stanno lavorando in queste ore le forze dell'ordine per risalire all'identità dei responsabili di un furto così meschino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento