Furto nella notte in tabaccheria: 30mila euro di bottino portato via da un buco nel muro

I ladri hanno colpito il locale di viale Tiziano a Casella d'Asolo. Rubati contanti e sigarette, il tutto dopo aver buttato giù una parete divisoria

La tabaccheria di Casella d'Asolo

ASOLO Trentamila euro di bottino, senza considerare i danni all'immobile. Questo quanto deve sopportare in queste ore Corrado Serena, titolare della tabaccheria di Viale Tiziano a Casella d'Asolo, lungo la Strada Bassanese. I ladri infatti hanno colpito la sua rivendita nella notte tra giovedì e venerdì, rubando sigarette e contanti per poi scappare indisturbati.

Solo alla riapertura della serranda venerdì mattina l'uomo si è accorto dell'ammanco e dei danni provocati alla struttura dell'immobile, tanto da sporgere immediatamente denuncia ai carabinieri di Asolo. Secondo le prime verifiche dei militari, il manipolo di ladri avrebbe colpito la tabaccheria dopo averla probabilmente controllata per giorni per capirne la disposizione interna e scoprire il posizionamento delle telecamere di videosorveglianza, tanto che durante il colpo notturno la "banda del buco" è stata ben attenta a non farsi riprendere all'esterno del locale.

Come riporta poi "la Tribuna", la banda è entrata all'interno della rivendita attraverso un locale adiacente e disabitato, usato solamente come archivio documenti per un'azienda locale. Un ingresso facilitato quindi, anche perchè le serrature erano molto vecchie e quindi facile da scassinare. Da qui poi, attraverso un palo di legno probabilmente rubato da un vigneto della zona, i ladri hanno sfondato un muro divisorio per permettersi l'ingresso nella tabaccheria senza far scattare l'allarme. Una volta dentro poi si sono passati contanti (circa 5mila euro della cassa) e sigarette dal buco nella parete prima di fuggire lontano senza che alcuno di accorgesse di quanto successo. Proprio per questo i carabinieri verificheranno in queste ore le immagini delle telecamere di sicurezza presenti nella zona, per cercare di capire da dove siano arrivati e verso dove sia fuggita l'intera banda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Telepass: «Due anni di canone gratuito per i residenti nella Marca»

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

Torna su
TrevisoToday è in caricamento