menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Derubato in spiaggia, il segnale dell'iPhone lo porta al centro migranti: "Lì nessun controllo"

Un post pubblicato dalla madre di chi ha subito il furto a Jesolo ha scatenato molte polemiche intorno a una coppia di Crocetta del Montello protagonista di un'incredibile disavventura

CROCETTA DEL MONTELLO Un post che ha fatto molto discutere e che ha portato con sé centinaia (se non migliaia) di condivisioni, comprese le richieste al neo ministro dell'Interno, Matteo Salvini, di intervenire. Tutto ha inizio domenica pomeriggio, quando una madre decide di raccontare su Facebook la disavventura del figlio, originario di Crocetta del Montello, derubato a Jesolo e protagonista di una vicenda che sta facendo molto discutere: "Stamattina in spiaggia, in piazza Nember - esordisce la donna nel suo post - hanno portato via lo zaino di Andrea con dentro tutto: iPhone, soldi, carte di credito, Iwatch, chiavi della macchina e chiavi dell’appartamento. Dopo un rimbalzo assurdo tra gli organi di polizia scopro che di domenica non raccolgono denunce ma il servizio torna riattivo il lunedì".

"Nessun controllo all'altezza"

Ma ad attirare l'attenzione del popolo del web è stato il prosieguo della vicenda: "Tramite “trova il mio iPhone” localizziamo il telefono all’interno del centro migranti di piazza Milano - continua la donna - dopo varie difficoltà e rimbalzi tra 112 e 113 riusciamo ad ottenere che una pattuglia raggiunga mio figlio, che intanto è piazzato lì fuori, per controllare. Questo solo teoricamente, perché nella pratica entrano (armandosi di spray al peperoncino) accompagnati dalla Croce Rossa che gestisce il Centro, e si limitano ad entrare e “fare un giro” senza nemmeno provare ad entrare dentro gli alloggi vicini al segnale che arrivava del telefono. Questo configura il controllo che è stato fatto. (...). Secondo la Croce Rossa il telefono si sarebbe potuto trovare lì perché chi l’aveva rubato l’aveva poi lanciato dentro, ovviamente. Riducendo tutto alla solita accusa di razzismo. Dopo poco sono usciti e il risultato è il nulla assoluto".

"Il sopralluogo c'è stato"

Parole cui il presidente regionale della Croce Rossa, Francesco Bosa, controbatte parlando di una "montatura". "Ero presente - dichiara - la persona è entrata accompagnata dalla polizia e non è stato trovato nulla. Siamo stati disponibili e attenti. Anzi, una volta che l'iPod del ragazzo si è scaricato gli abbiamo fornito la possibilità di ricaricarlo. L'operazione non è andata a buon fine e non c'era più la possibilità di localizzare il telefono. A quel punto le forze dell'ordine hanno invitato il derubato a presentare denuncia di furto. Non c'è stata alcuna preclusione - conclude Bosa - anche un anno fa è accaduta una vicenda simile e c'è stato un sopralluogo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento