rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Cronaca Giavera del Montello

Rogo al magazzino della Debby Line, la Procura indaga per incendio doloso

Svolta nell'inchiesta sul rogo che il 5 aprile scorso ha distrutto 10 mila metri quadrati di magazzino dell'azienda di logistica di Paese. Il pubblico ministero Giulio Caprarola ha aperto un fascicolo che ipotizza un'azione volontaria come causa delle fiamme

Svolta nell'indagine sul rogo che il 5 aprile ha distrutto a Cusignana, nel comune di Giavera del Montello,  10 mila metri quadrati, su 18 mila totali, dello stabilimento dove la Debby Line, azienda della logistica, aveva uno dei propri magazzini. Il pubblico ministero Giulio Caprarola, al lavoro da oltre un mese e mezzo nel tentativo di trovare una spiegazione al fuoco che si è mangiato buona parte dell'area dedicata allo stoccaggio delle merci, ha infatti aperto un fascicolo per il reato di incendio doloso.

«Ovviamente - spiega il Procuratore Marco Martani - non si tratta delle conclusioni dell'inchiesta ma ci sono tutti gli elementi per indurre ad indagare su un'azione voluta». Tra questi, oltre alla velocità con cui si sono propagate le fiamme, vi sarebbe il fatto che l'incendio sembrerebbe aver preso il "là" in punti diversi e piuttosto lontani uno dall'altro. Non è inoltre chiaro se, oltre all'allarme, sia entrato in funzione il sistema anti incendio di cui la Debby Line avrebbe dovuto essere dotata. L'area, che secondo le stime conteneva almeno 20mila paia di scarpe oltre a magliette e altri capi d'abbigliamento, tutti andati distrutti per un danno che sarebbe di diverse centinaia di migliaia di euro, era stata sottoposta a sequestro. 

Creata nel 1994, la Debby Line è molto nota non solo per i grandi marchi che serve come partner della logistica strategica ma anche per le numerose sponsorizzazioni che vanno dall'Imoco Volley alla Nutribullet Basket, dal Benetton Rugby alla Ruggers Tarvisium e al Rugby Mogliano, passando per associazioni benefiche e lo sport amatoriale. La parte del capannone di via San Rocco che si è salvata dalle fiamme, grazie all'intervento rapidissimo dei pompieri intervenuti sul posto, ha ripreso a funzionare mentre i lavoratori dell'area attualmente sequestrata sono stati ricollocati nelle altre sedi dell'azienda. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rogo al magazzino della Debby Line, la Procura indaga per incendio doloso

TrevisoToday è in caricamento