rotate-mobile
Cronaca Via Ospedale

Roberti apre il suo mandato all'Ulss 9 con tagli alla sanità per 20 milioni

Giorgio Roberti, nuovo direttore sanitario dell'Ulss 9, apre il suo mandato con tre parole d'ordine: bilancio, umanizzazione dei rapporti con il paziente e innovazione. Una sfida ardua, visto il taglio ai trasferimenti regionali

"Apro il mio mandato all'insegna della continuità", si è presentato così, mercoledì, Giorgio Roberti, nuovo direttore dell'Azienda Ulss 9 di Treviso.

"La squadra è composta da professionisti coi quali negli ultimi anni abbiamo lavorato insieme e condiviso obbiettivi e valori - ha dichiarato Roberti - Questo mandato sarà più breve dei precedenti perché ora è previsto un triennio; una squadra già collaudata sicuramente ci agevolerà nell’affrontare da subito le sfide e ad essere subito operativi”.

Ad affiancarlo alla guida dell'Azienda, il nuovo direttore amministrativo, Oliviero Beni, dal direttore sanitario Michele Tessarin e dal direttore dei Servizi Sociali Gerardo Favaretto, ancora in carica come da contratto fino al 28 febbraio prossimo.

OBIETTIVI - Le parole d'ordine della nuova direzione sanitaria sono: bilancio, umanizzazione e innovazione, ovvero proseguire nei risultati raggiunti col pareggio di bilancio, mantenere gli standard regionali delle liste d’attesa, portare la Cittadella della Salute al cantiere e non perdere di vista mai l’umanizzazione.

BILANCIO - Obiettivi non facili da raggiungere, visto il taglio di 20 milioni ai trasferimenti della Regione, che nel 2013 passeranno da 650 a 630 milioni.

“Importante come obiettivo è mantenere i risultati raggiunti in termini di bilancio. Per il quarto anno stiamo andando a chiudere in pareggio e questa rimane una priorità che contiamo di raggiungere anche per il 2013 - ha continuato Roberti - La crisi e le contingenze internazionali che stiamo vivendo con le ripercussioni in ogni ambito non lo renderanno facile. Ma ci sarà tutto il nostro impegno nel raggiungere l’obiettivo".

LISTE D'ATTESA - Non meno importante è l’attenzione alle liste d’attesa: "La nostra situazione aziendale è già abbastanza positiva - ha sottolineato Roberti - perché il quadro complessivo ci vede nel rispetto degli standard regionali. L’attenzione da parte nostra sarà costante, faremo particolarmente attenzione tanto alle prestazioni da parte dell’azienda quanto alle richieste degli utenti".

Un ambito in cui da subito la direzione Roberti cercherà di raggiungere ulteriori progressi è quello delle Radiologie, con acquisizione di nuove apparecchiature di ultima generazione. "A breve sarà in funzione una nuova Tac - ha anticipato il direttore - ed è già stata fatta richiesta di autorizzazione all’acquisto di un’altra ad elevato livello di prestazioni”.

INNOVAZIONE - “Per quanto riguarda la Cittadella della Salute - ha aggiunto - essere una squadra già a conoscenza delle dinamiche aziendali non comporta pause; il progetto, infatti, è conosciuto fin dalla sua fase di avvio e quindi il lavoro è sempre proseguito senza interruzioni. Per il 31 gennaio è fissata la data in cui l’associazione d’imprese vincitrice dovrà fornire l’adeguamento del progetto al capitolato. Poi sarà il momento delle verifiche tecniche. Penso che se non ci sono problemi particolari, per la primavera si potrà convocare la conferenza dei servizi”.

UMANITA' - Il lavoro della nuova squadra dell'Ulss 9 è concentrato anche sul mantenimento di alcuni valori, a cominciare dalla centralità della persona: “Per noi rimane un pilastro imprescindibile – ha sottolineato Roberti - Non basta dare servizi di elevata qualità professionale, ma è necessario sempre curare anche l’umanizzazione".

A questo scopo l'Azienda sta delineando percorsi di formazione per favorire la comunicazione col cittadino da parte dei professionisti e, quindi, una miglior comprensione. Allo studio sono anche nuovi percorsi di accoglienza, con approcci differenziati che abbattano l’impatto psicologico di chi si rivolge in necessità ad una struttura sanitaria. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roberti apre il suo mandato all'Ulss 9 con tagli alla sanità per 20 milioni

TrevisoToday è in caricamento