menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il comitato di gemellaggio col sindaco Riccardo Szumski

Il comitato di gemellaggio col sindaco Riccardo Szumski

Le giovani generazioni europee allo special food-lab nelle terre del Piave

"European Youth Project", alla sua prima edizione, porterà dodici giovani provenienti da diversi paesi europei a Santa Lucia di Piave, che diventerà base d'appoggio per un programma intensivo di esperienze attraverso un progetto di laboratori e workshop legati al settore eno-gastronomico

SANTA LUCIA DI PIAVE Un progetto, quello promosso dal Comitato di Gemellaggio di Santa Lucia di Piave, che connette le giovani generazioni europee attraverso la conoscenza esperienziale dei territori e delle loro specificità. “European Youth Project”, alla sua prima edizione, porterà dodici giovani provenienti da diversi paesi europei a Santa Lucia di Piave, che diventerà base d’appoggio per un programma intensivo di esperienze attraverso un progetto di laboratori e workshop legati al settore eno-gastronomico. “Il nostro obiettivo è creare occasioni per cui si generino contatti e si formino legami tra i giovani di diversi paesi. – spiega la Presidente del Comitato di Gemellaggio di Santa Lucia di Piave Lidia Basei – Crediamo che il modo migliore per conoscere altre realtà sia entrare in contatto con il territorio e viverlo attivamente”.

I giovani provenienti da Castanet-Tolosan (Francia), Cocor??tii Mislii (Romania) e Alboraya (Spagna) accompagnati da educatori, saranno così ospiti della comunità di Santa Lucia di Piave che ha risposto positivamente. Un progetto ambizioso, patrocinato dal nuovo marchio di promozione territoriale “Terre dell’Antica Fiera del Piave", reso possibile dal lavoro coordinato del Gruppo di Gemellaggio con l’amministrazione comunale di Santa Lucia di Piave e le diverse associazioni locali. “Dobbiamo costruire legami, in particolare tra le giovani generazioni – dichiara l’Assessore al Turismo di Santa Lucia di Piave, Luca Bellotto – che rafforzino il senso di coesione europea fondata su una salda unione tra i popoli.” Dal 22 al 29 luglio, periodo di permanenza dei giovani, è stato predisposto un ricco programma di attività, che coinvolgeranno numerose realtà locali d’eccellenza del comparto food, e visite alle bellezze del territorio scendendo fino alla laguna di Venezia e risalendo fino alle cime delle Dolomiti.

Viviamo in un territorio ricco di grandi produzioni eno-gastronomiche che vanno raccontate. Vogliamo trasmettere ai giovani in visita il gusto della scoperta di un territorio – spiega l’Assessore al Turismo di Santa Lucia di Piave, Luca Bellotto – partendo proprio dal cibo, rendendolo un’esperienza condivisa che possa creare nuovi legami tra le persone.” I giovani visiteranno in particolare l’Azienda Agricola Borgoluce frequentando un laboratorio sulla lavorazione del latte, la Casa Focolera a Collalto con un laboratorio sul pane, il museo del caffè presso Dersut Caffè per concludere con la visita alla Cantina “Il Colle” con workshop sul processo di produzione del Vino Prosecco. Non mancheranno le visite alle bellezze del nostro territorio con in primis Venezia e la laguna veneta, escursioni sulle Dolomiti (monte Piana) e la visita alla città e al castello di Conegliano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento