Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Continuano le ricerche di Giovanni Lavinia, scomparso da Tambre (BL) una settimana fa

L'uomo è scomparso venerdì scorso e dopo una settimana di intense ricerche ancora non ci sono novità. I soccorsi continuano a perlustrare le zone di confine tra bellunese e trevigiano

Un'immagine dei soccorsi

BELLUNO Sono ancora vane le ricerche di Giovanni Lavina, 55enne di Tambre (BL), scomparso ormai da una settimana dopo essersi allontanato dalla propria abitazione. Giovedì una quarantina di persone si sono ritrovate alle 7.30 a Cordellon, luogo del rinvenimento dell'auto dell'uomo, per suddividersi in squadre e distribuirsi nelle zone designate attorno al luogo del parcheggio ed effettuare battute sistematiche ancora più approfondite.

Lungo entrambi i versanti del torrente Rimonta alcuni soccorritori si sono calati e hanno risalito gli svariati canali, mentre sono state percorse porzioni di sentieri non ancora visionate. Controllate a piedi alcune casere ai Pian e in Val d'Arc, con l'elicottero dei vigili del fuoco che invece sorvolava l'area attorno ad altri edifici rurali, alle Fratte e Castelletto, purtroppo senza apprendere alcuna nuova informazione. Erano comunque presenti i soccorritori di Belluno, Feltre, Alpago, Longarone, vigili del fuoco e forestali e le unità cinofile. La ricerca riprenderà venerdì mattina con l'ausilio degli elicotteri.

AGGIORNAMENTO ORE 18: Si sta chiudendo senza esito anche l'odierna giornata di ricerche e nulla di nuovo è purtroppo emerso. Le ultime squadre stanno rientrando dopo aver percorso le aree a loro affidate, 15 in totale oggi. A partire dalle 7.30 una sessantina di persone ha ripreso  la perlustrazione delle zone dove potrebbe essersi diretto Lavina, dopo aver parcheggiato la sua macchina a Cordellon. In due rotazioni, una questa mattina e una nel pomeriggio, l'elicottero dei vigili del fuoco ha trasportato le squadre sulla cima del Monte Salvedella e da lì i soccorritori si sono suddivisi nelle fasce tutte attorno, sul versante bellunese e trevigiano, in Val Fontana, Val del Carmine, parte alta della Val Pisador, zona Monte Castalt. Il Corpo forestale dello Stato ha anche verificato un altro tratto viario tra Posa Puner e Salvedella. Erano presenti oggi i soccorritori di Belluno, Prealpi Trevigiane, Alpago Longarone, Feltre, Pedemontana del Grappa, con 3 unità cinofile, vigili del fuoco, forestali, Ana di Belluno con 3 unità del Nucleo cinofilo Fiammetta. Questa mattina durante la riunione in prefettura tra le forze impegnate in questi giorni è stato convenuto di fermare con oggi le ricerche. Il Soccorso alpino Dolomiti Bellunesi resta a disposizione per riprenderle immediatamente, qualora emergano nuovi indizi o giungano altre segnalazioni. "Ringraziamo l'Agriturismo Ai Gir per l'ospitalità".

soccorso alpino1-8

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Continuano le ricerche di Giovanni Lavinia, scomparso da Tambre (BL) una settimana fa

TrevisoToday è in caricamento