menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Morto in casa da due mesi, Zaia: "Non si può morire in questo modo"

Il governatore del Veneto, all'indomani della notizia sulla scoperta della morte di Giovanni Vecchiati: "Cose del genere non devono avvenire"

TREVISO - “Il tragico epilogo dell’esistenza di Giovanni Vecchiati, trovato morto in casa dopo due mesi, lascia l’amaro in bocca. Era figlio adottivo di Astorre, il mendicante morto due anni fa che tutta Treviso aveva imparato a conoscere. Una triste storia di solitudine che accomuna padre e figlio ma che non giustifica il fatto che nel terzo millennio si possa morire senza che qualcuno se ne accorga. Almeno serva a farci riflettere”. E’ il commento del presidente della Regione Luca Zaia al ritrovamento di Giovanni Vecchiati, deceduto da diverse settimane nel suo alloggio a Treviso ma di cui nessuno aveva segnalato la scomparsa.

“Una cosa del genere non dovrebbe avvenire – continua Zaia – e ci richiama a recuperare valori importanti come l’attenzione verso gli altri, gli amici, i vicini, il nostro microcosmo quotidiano. Nell’era del digitale in cui si fa tutto con lo smartphone o il tablet, ci si procurano centinaia di “amicizie” sui social network senza conoscere effettivamente nessuno, ci si scambia migliaia di messaggini senza il calore di una parola amica, forse sarebbe il caso di fermarsi un attimo a riflettere e guardarsi attorno. La realtà che ci circonda è fatta di persone e non di tecnologia e dispositivi anonimi.

“In evenienze come questa – conclude Zaia – ci rendiamo conto di quello che significa veramente e di quanto faccia nella nostra società il volontariato nei confronti delle persone in difficoltà. La nostra è una regione dove un cittadino su 5 fa volontariato: regala tempo e denaro a chi ha bisogno. Ma spesso basta anche un piccolo gesto, come bussare alla porta del vicino per vedere come sta, per farci sentire tutti un po’ meglio e meno soli”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento