menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torna il Gran Premio dei camerieri: 4° vittoria per Simone Marotto

L'evento conteggiava solo 9 partecipanti,qualcosa nell'organizzazione non ha funzionato. Al minimo i numero degli spettatori presenti

TREVISO - SI preannunciava un grande festa domenica a Treviso per la nuova edizione del "Gran Premio dei camerieri", purtroppo però il popolo trevigiano non ha risposto all'evento come ci si aspettava.

Solo 9 i partecipanti alla corsa e pochi gli spettatori nelle vie del centro a seguire le imprese dei ragazzi: addirittura solamente un manipolo di dieci persone all'arrivo dei camerieri in Piazza Rinaldi. Qualcosa è andato probabilmente storto nell'organizzazione della kermesse di Giorgio Fantin, anima della Congrega per il recupero delle tradizioni. Forse a causare la mancata partecipazione dei trevigiani è anche stata la campagna pubblicitaria messa in atto da "Gente di Marca" per la sua "Corsa dei camerieri" annunciata per le prossime settimane.

In ogni caso, come riporta "la Tribuna", la gara tra i partecipanti è stata presa sul serio dal primo all'ultimo metro del tragitto e ha visto al via ben 8 ragazzi e solo un "veterano", Franco Doradiotto di 62 anni. Il percorso arrivava in Piazza Rinaldi dopo 1.6km nei quali i camerieri dovevano correre con un vassoio coi due bicchieri pieni e una bottiglia d'acqua da mezzo litro. A tagliare per primo il traguardo il 27enne Gregory de Bortoli del "Bottegon, purtroppo però squalificato perchè il suo vassoio era pieno di acqua. Ecco che allora la vittoria se l'è meritata il 23enne cameriere di "Pino" Simone Marotto alla sua quarta vittoria nella manifestazione. Tra le donne vittoria per la 25enne Eugenia Orlando della pizzeria "da Fausta".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento