Grande successo per "Grapperie aperte": diecimila presenze alla quattordicesima edizione

Nella giornata di domenica 1 ottobre sono stati tantissimi gli appassionati che si sono recati in visita alle grapperie venete che avevano aderito alla seguitissima iniziativa

TREVISO Sono state oltre diecimila le persone che nella giornata di domenica 1 ottobre ha scelto di trascorrere qualche ora alla scoperta del distillato di bandiera insieme ai produttori aderenti alla quattordicesima edizione di Grapperie Aperte, l’evento promozionale organizzato dall’Istituto Nazionale Grappa che ogni anno raduna in un evento unico e diffuso distillerie di tutta Italia. Diciassette strutture distribuite in sei regioni - Valle d'Aosta, Lombardia, Alto Adige, Veneto, Emilia Romagna e Toscana - che si sono messe a disposizione dei visitatori per far conoscere - attraverso degustazioni, intrattenimenti e visite guidate - il proprio lavoro. Particolarmente apprezzato il tema conduttore, Grappa&Frutta, proposto principalmente con abbinamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Anche quest’anno il giorno dopo Grapperie Aperte, quello in cui si analizzano i risultati, è all’insegna della soddisfazione– spiega il Presidente dell’Istituto Nazionale Grappa Elvio Bonollo – perché abbiamo avuto ancora una volta la conferma che l’interesse del consumatore cresce e diviene sempre più centralizzato verso la conoscenza del prodotto, della storia e delle virtù di sostenibilità che esso incarna. La massiccia partecipazione a questi momenti di cultura e approfondimento sul prodotto Grappa direttamente nei luoghi di produzione è il riconoscimento da parte del pubblico di un grande valore a questa eccellenza tutta italiana e la prova che esistono i presupposti per sviluppare un vero e proprio turismo culturale sul distillato di bandiera. L’Istituto che ho l’onore di presiedere – aggiunge Bonollo - rappresenta oltre l’80% della produzione nazionale di grappa e mira a  valorizzare non solo il prodotto in sé ma anche tutto ciò che contribuisce a renderlo un’eccellenza, in primis il lavoro dei maestri distillatori e la capacità di trasferire in una bottiglia l’essenza della storia distillatoria e delle tradizioni dei territori di riferimento”. Per i prossimi giorni è altresì atteso il verdetto della giuria del contest “Grappa&Frutta, tentazione perfetta”, che come ogni anno premierà il migliore scatto postato sui social dai visitatori della giornata di Grapperie Aperte con la pubblicazione – completa di citazione dell’autore – dell’immagine a corredo della comunicazione ufficiale dell’Istituto Nazionale Grappa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vento, grandine e alberi caduti: il maltempo flagella la Marca

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Malore al risveglio, il sorriso di Alessandra si spegne a 44 anni

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Geox, cooperativa Venere in liquidazione: «Tutelare contratti e posti di lavoro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento