I tortellini avesani guardano al Trevigiano e puntano verso l'export

Il Pastificio Avesani di Bussolengo, sta per iniziare un progetto di rafforzamento dell'area veneta, e partirà proprio dal territorio trevigiano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

TREVISO - Anche quest'anno è stato tra i protagonisti del Carnevale di Verona, allestendo un simpatico carro allegorico con le sembianze del titolare dell'azienda, Luciano Avesani, con 120 figuranti che hanno intrattenuto il pubblico scaligero durante le sfilate del carro stesso tra il veronese e il mantovano. Il Pastificio Avesani di Bussolengo nel veronese, sta per iniziare un progetto di rafforzamento dell'area veneta, e partirà proprio dal territorio trevigiano, dove è già molto conosciuto per i suoi prodotti più importanti, e dove immetterà nel corse della primavera, una nuova specialità al prosciutto San Daniele.

Un' iniziativa che ha porterà ancor più notorietà alla società scaligera, nel campo della Marca, grazie ad una serie di iniziative che avverranno specialmente durante il periodo estivo. Specializzato nella produzione di pasta ripiena, parteciperà anche alle numerose fiere di settore nel corso del 2014, come ad esempio il Cibus di Parma e sarà presente attivamente ad importanti kermesse alimentari anche in ambito internazionale, con lo scopo di rafforzare i marchi di proprietà e per lanciare anche nuove realtà produttive, proprio come i tortellini al prosciutto San Daniele, che rappresenteranno una vera e propria news a livello mondiale.

In programma anche un imponente restyling dei prodotti di punta, arrivando, con ogni probabilità a misurarsi con maggiore intensità anche nei mercati esteri, specialmente in quelli del Vecchio Continente, in cui è già presenti con il marchio aziendale, ma nei quali cerca di incrementare i volumi export. I vertici aziendali auspicano, dunque, già per fine anno, un aumento significativo, in linea con i gli obiettivi, anche in questo settore. Non si esclude per il futuro una tipologia di pasta ripiena che possa racchiudere i sapori tradizionali della cucina tipica trevigiana.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento