Cronaca

"Stop ideologia gender": blitz di Lotta Studentesca al Duca

I militanti del movimento hanno esposto uno striscione all'esterno del liceo Duca degli Abruzzi di Treviso giovedì mattina per riportare a galla la tematica

TREVISO “Stop ideologia gender”. È lo slogan recitato su uno striscione comparso giovedì mattina al liceo Duca degli Abruzzi di Treviso esposto dai militanti di lotta Studentesca che con un blitz hanno voluto riportare a galla il tema dell’educazione gender a scuola.

“Nessuno, se non qualche famiglia coraggiosa e alcune associazioni Pro-Vita, sembra preoccuparsi della propaganda omosessualista e dell'ideologia Gender che sta prendendo piede in tutte le scuole italiane – hanno spiegato i ragazzi di Lotta Studentesca -. Scuole in cui quest'ideologia , che sostiene la non-esistenza di una differenza biologica tra uomini e donne determinata da fattori scritti nel corpo e che sostiene che la differenza maschile/ femminile sia una differenza esclusivamente culturale, cioè gli uomini sono uomini perché sono educati da uomini, le donne sono donne perché sono educate da donne, sta mettendo a repentaglio il futuro stesso del nostro popolo”.

"Condanniamo radicalmente il tentativo di forti lobby gay e associazioni anti cristiane di distruggere la famiglia tradizionale, l'unica degna di esistere, giocando con l'innocenza dei bambini – hanno fatto sapere dal movimento -. Queste Lobby che vogliono eliminare totalmente le naturali differenze tra il sesso maschile e quello femminile”. Non si tratta di essere Omofobi e nemmeno di essere razzisti, Dolce e Gabbana ce lo hanno dimostrato. Si tratta di buonsenso – spiega il responsabile di Lotta Studentesca, Giuseppe Guarnieri -. "È per questo che difenderemo a spada tratta, con ogni forza, l'unica famiglia degna di esistere; quella tradizionale e la verità più autentica. Perché tutti i bambini hanno il diritto di crescere con un padre e una madre."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Stop ideologia gender": blitz di Lotta Studentesca al Duca

TrevisoToday è in caricamento