Imprenditore vuole acquistare del rame, derubato di 64 mila euro

Un ungherese è la vittima del raggiro da parte di un friulano e di un impresario vicentino. Ma agli agenti aveva raccontato un'altra storia

Si è messo in contatto con un imprenditore vicentino per acquistare del rame nel territorio veneto ma è stato letteralmente derubato di ben 64 mila euro. Vittima di un architettato raggiro, un titolare di due aziende ungheresi, classe 1967, che ha subito un furto da parte di un giostraio di Cordenons (PN), B.S. di 38 anni. La vicenda risale ad aprile, quando la vittima avrebbe chiamato la polizia per denunciare il furto avvenuto in zona industriale a Villorba, finito con un inseguimento ad esito negativo lungo viale della Repubblica.

MAXI FURTO DI RAME ALLA VELO, DANNI PER 100 MILA EURO

L’ungherese ha conosciuto colui che avrebbe dovuto vendergli il rame in autostrada a Portogruaro, dove avrebbero organizzato l’affare, insieme all’imprenditore vicentino; gli stessi che poi l’avrebbero convinto a seguirli nel Trevigiano per visionare il materiale. Questo dettaglio, però, è emerso solo in un secondo momento. la vittima, infatti, avrebbe dichiarato alla polizia di essere stato derubato di 20 mila euro in contanti, che gli sarebbero serviti per delle visite specialistiche nella Marca in quanto disabile. Solo grazie agli accertamenti effettuati dalla squadra mobile della Questura di Treviso si è scoperto che, in realtà, il furto ammontasse a 64 mila euro e che l’ungherese si trovasse in Veneto per l’acquisto del materiale ferroso.

FURTO ALLA TREVISO MACCHINE, 300 MILA EURO DI BOTTINO

Recatosi insieme ai due “truffatori” a Villorba, accompagnato da un collega, il 46enne si sarebbe visto sottrarre la borsa colma di contanti. I due, infatti, gli avrebbero chiesto di vedere il denaro prima di mostrare il rame e, approfittando di una distrazione, gliel’avrebbero strappato dalle mani per poi dileguarsi a tutta velocità. Le indagini sono proseguite fino ai giorni scorsi, quando l’autore del furto è stato rintracciato dalla polizia e denunciato a piede libero per furto aggravato in concorso. Il complice, invece, deve ancora essere identificato. I 64 mila euro? Spariti.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Aneurisma fatale, muore dopo due mesi in ospedale: era appena diventato papà

Torna su
TrevisoToday è in caricamento