La Cooperativa Sociale Alternativa esempio di buone pratiche

Una delegazione di imprenditori sociali provenienti da tutta Europa venerdì ha visitato i laboratori a Treviso

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

TREVISO - Una delegazione di imprenditori sociali provenienti da tutta Europa, nella giornata di venerdì ha visitato a Treviso i laboratori delle cooperative sociali Alternativa ed Alternativa Ambiente, per conoscerne l'esperienza ed i punti di forza.

Al mattino il gruppo è stato accolto presso la casa circondariale di Treviso, dove gli ospiti hanno visitato i laboratori produttivi (falegnameria, assemblaggio, riparazione hardware, lavorazione artistica del vetro e digitalizzazione ottica) ed il bar del penitenziario, gestiti dalla cooperativa sociale Alternativa.

Il pomeriggio, la delegazione si è spostata nella sede delle due cooperative a Vascon di Carbonera, dove ha visitato le serre e gli appezzamenti agricoli, gestiti anche con il contributo di ex detenuti e detenuti in esecuzione penale esterna. Infine, c'è stato un incontro con i presidenti di Alternativa ed Alternativa Ambiente, per conoscere le loro attività di impresa sociale, terminando con la visita al negozio biologico e alle strutture della cooperativa destinate all'ospitalità di persone svantaggiate.

L'iniziativa rientrava nel progetto europeo Messe, di cui la Regione Veneto è leader, cui partecipano imprese provenienti da Bulgaria, Germania, Grecia, Italia, Regno Unito, Romania, Spagna, Svezia, Ungheria. L'obiettivo del progetto è confrontare e diffondere esperienze positive per lo sviluppo socio-economico del territorio realizzate da imprese sociali.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento