Dopo 15 anni ecco la nuova sede per l'Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra

Inaugurata sabato a Treviso, presso Palazzo Moretti, la nuova sede della storica realtà trevigiana. Commozione da parte del presidente Cav. Dino Daniotti

TREVISO L’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra ha inaugurato sabato  la sua nuova sede a Palazzo Moretti, prendendo possesso della sala che prima dello spostamento a Ca’ Sugana ospitava la Commissione Pari Opportunità. L’assegnazione è arrivata grazie ad una comunicazione di Giunta presentata dal vicesindaco Roberto Grigoletto.

Il Cavaliere Dino Daniotti, presidente dell’Associazione, ha organizzato un momento conviviale sobrio ma molto sentito, riuscendo solo in parte a trattenere la commozione: «Dal 2002 la nostra realtà cerca una casa» ha dichiarato Daniotti. «La sensibilità di questa amministrazione mi ha colpito, è stato un regalo inaspettato. Devo ringraziare il consigliere comunale Nicolò Rocco che ci è sempre stato vicino lavorando per primo con determinazione a questa soluzione e il nostro vicesindaco Roberto Grigoletto senza il cui impegno non potremmo essere qui oggi». Ora l’associazione sarà vicina di casa (stesso piano) dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, che porta avanti la memoria degli esuli istriani, fiumani e dalmati. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L’amministrazione sta lavorando ad una casa delle associazioni» - ha spiegato il vicesindaco - «e molti passi avanti sono stati fatti in questa direzione. Nel frattempo però una soluzione era dovuta, visto il grande impegno che la realtà presieduta dal Cav. Daniotti profonde a favore della memoria storica del nostro territorio. Sono loro l’anima delle nostre commemorazioni e delle nostre celebrazioni. Purtroppo la pace non è una conquista che possiamo ritenere intoccabile, ricordare le nostre radici è il modo migliore per onorarla».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Una folla commossa per dare l'ultimo saluto al piccolo Tommaso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento