Incendio in azienda, divorati dalle fiamme due furgoni e un'auto: si valuta il dolo

Il rogo è avvenuto sabato verso le 19.50 in via Callalta a Silea, all'interno del cortile dell'azienda Step Lavorazioni Meccaniche. Sul posto i vigili del fuoco e i carabinieri

Una delle auto in fiamme

Momenti di paura, sabato sera verso le 19.50, in via Callalta a Silea. Al 115, infatti, sono giunte alcune chiamate di residenti preoccupati per delle alte fiamme che si stavano alzando nel cortile dell'azienda Step Lavorazioni Meccaniche srl dove avevano ormai preso fuoco due furgoni e una station-wagon. Sul posto si sono dunque recati immediatamente sia i carabinieri di San Biagio di Callalta e Silea che i vigili del fuoco di Treviso (con due squadre) che per entrare nel piazzale aziendale hanno dovuto persino sfondare un cancello. Fortunatamente il rogo è stato subito contenuto, anche se per domarlo completamente ci sono volute alcune ore, fatto questo che ha impedito di salvare i tre mezzi che sono stati totalmente divorati dalle fiamme. In ogni caso, nessuno è rimasto ferito ma le indagini continuano e permane il riserbo sulle cause scatenanti l'incendio. Sicuramente fondamentali, per capire quanto accaduto, saranno le numerose telecamere di videosorveglianza presenti in zona, ma al momento l'ipotesi maggioritaria è che si possa più trattarsi di un atto doloso rispetto, magari, ad uno sfortunato corto circuito anche se, per il momento, da primi accertamenti le fiamme si sono sviluppate dall’interno dell’abitacolo dei mezzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • A Monastier il primo punto tamponi privato: «Accesso senza prenotazione»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento