Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Crollo coltivazione del mais, nella Marca incentivi per chi lo produce

Il Consorzio Agrario di Treviso e Belluno punta a rilanciare la produzione di mais bianco nella Marca Trevigiana proponendo un incentivo economico di 10 euro per ogni tonnellata di prodotto raccolto e essiccato

TREVISO Tre anni disastrosi. Un crollo della produzione del 15 per cento. La coltivazione del mais sempre più in crisi in provincia di Treviso, i dati calcolati dal consorzio agrario di Treviso e Belluno sulla base degli ordini effettuati presso le case sementiere e la rete di agenzie sono allarmanti. Da parte degli agricoltori c’è ancora grande scetticismo nella coltivazione del cereale. “La coltura negli ultimi anni è stata vessata da diverse calamità, dalle micotossine alle avversità atmosferiche – spiega il direttore del consorzio, Pietro Carniato - che ne hanno compromesso la resa e la qualità del prodotto. Una situazione che ha spinto molte aziende ad abbandonarne la produzione, convertendola alla soia, coltura certamente più redditizia”.

Un problema di reddito, dunque, che il consorzio agrario ha deciso di affrontare con una soluzione economica in grado di rilanciare la coltivazione del mais. Per il raccolto di quest’anno, infatti, il consorzio corrisponderà per il mais bianco un prezzo pari a quello stabilito dalla borsa merci per il mais giallo, con in aggiunta un incentivo di dieci euro per ogni tonnellata di prodotto raccolto e essiccato. L’incentivo verrà garantito sulla base di accordi commerciali di filiera, che valorizzano la produzione di mais bianco “sostenibile”, certificato con standard CSQA “DTP112 Cereali e Semi Oleosi Sostenibili”. “Si tratta di un protocollo che tutela la sostenibilità ambientale, sociale ed economica – commenta il presidente del consorzio, Fulvio Brunetta – e che ci permette di garantire ai distributori un prodotto di maggiore qualità. L’obiettivo è rilanciare una coltivazione importante per la nostra agricoltura, offrendo un incentivo economico significativo. Stiamo già promuovendo questa opportunità tra le aziende in vista dell’imminente stagione di semina”.

La soluzione è già stata sperimentata l’anno scorso coinvolgendo 150 aziende del territorio per una superficie coltivata complessiva di circa mille ettari. “Mille ettari di coltivato rendono mediamente 12mila tonnellate di prodotto – prosegue il direttore Pietro Carniato – e infatti l’anno scorso abbiamo corrisposto circa 120mila euro di premi complessivi. Si tratta di una cifra importante, abbiamo riscontrato grande soddisfazione tra le aziende che ne hanno beneficiato: confidiamo che quest’anno potremmo contare su un numero maggiore di adesioni”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crollo coltivazione del mais, nella Marca incentivi per chi lo produce

TrevisoToday è in caricamento