menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Strage di Pagnano, il ragazzo alla guida patteggia due anni

A causare il tremendo incidente, in cui morirono Ovidin Ilie Azota, Marius Hantig e le sorelle Oana Maria e Alina Ramona Roman, fu l'elevata velocità

Ha patteggiato due anni con sospensione condizionale della pena D.H., il 19enne romeno alla guida dell'auto in cui morirono quattro giovani connazionali il 7 luglio 2012 a Pagnano d'Asolo.

Il ragazzo, che per giorni ha lottato tra la vita e la morte dopo il tragico incidente, non era sotto l'effetto di alcol o droghe quella notte, ma a causare la strage fu, secondo l'esito della perizia tecnica, l'elevata velocità accompagnata, probabilmente, da un colpo di sonno del 19enne.

Accusato di omicidio colposo plurimo, D. H. ha ottenuto la sospensione della pena, anche a fronte del risarcimento danni già elargito ai parenti delle vittime.

Nello schianto morirono Ovidin Ilie Azota, operaio 23enne di Casella d’Asolo, Marius Hantig, 21enne piastrellista di Villa d’Asolo e le sorelle di Fonte Oana Maria e Alina Ramona Roman, di 14 e 17 anni. L'auto sulla quale viaggiavano i cinque giovani, un'Alfa 159, proveniva da Castelcucco quando sbandò in curva per poi schiantarsi contro il muro di recinzione di un'abitazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto Canova, Ryanair annuncia la programmazione estiva

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento