menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Cerletti

Il Cerletti

Litiga con la moglie, sbanda con l'auto e piomba nel campetto del Cerletti

Protagonista della vicenda, avvenuta verso le ore 18 di giovedì, un 39enne marocchino residente a Farra di Soligo. L'uomo, costernato per l'accaduto, ripagherà tutti i danni

Prima il litigio in auto con la moglie e poi una brusca sterzata, sull'asfalto bagnato dalla pioggia, che li ha portati a sfondare la recinzione del campetto sportivo dell'istituto Cerletti di Conegliano. Questo quanto successo verso le ore 18 di giovedì, fortunatamente in un momento in cui gli studenti non si trovano all'esterno della scuola. Come difatti riportano i quotidiani locali, l'impatto contro la recinzione è stato importante ed improvviso ed è veramente stato un caso che in quel momento nessuno si trovasse sulla linea di corsa della Fiat Grande Punto.

A provocare l'incidente sarebbe stato un violento litigio verbale tra il 39enne marocchino alla guida (residente a Farra di Soligo e in Italia da ormai 15 anni) e la moglie, tanto che l'uomo ad un certo punto si è distratto fatalmente andando così a perdere il controllo del mezzo. Ben integrato nella comunità locale, il 39enne si è subito scusato con la scuola e i carabinieri di Godega Sant'Urbano intervenuti sul posto, rendendosi fin da subito disponibile a rifondere totalmente i danni provocati. Inoltre, l'uomo ha dichiarato ai militari che la causa della distrazione era stata la moglie con la quale ha da tempo un rapporto difficile. La donna, infatti, nonostante tutte le attenzioni del marito non riesce ancora ad integrarsi nella Marca, lamentandosi quindi sempre di questo col marito che, al culmine della sopportazione, giovedì ha poi perso per un attimo la concentrazione andando così a finire fuori strada con l'auto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Con un "gratta e vinci" da 5 euro ne vince 500mila

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento