Fugge all'alt dei carabinieri perché ubriaco alla guida, ma durante l'inseguimento si schianta

E' successo nella notte tra venerdì e sabato in via Prati a Carbonera. A finire nei guai un 25enne, immediatamente comparso di fronte al giudice dopo l'arresto

Un giovane di 25 anni, E.P., residente in provincia di Treviso e con piccoli precedenti di polizia, è stato arrestato nella notte tra venerdì e sabato dai carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Treviso con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale e guida in stato di ebrezza. Il fatto è accaduto verso le ore 02.00, in via Battisti a Carbonera, quando i militari, insospettiti dall’andatura incerta, hanno intimato l’alt alla Ford Fiesta condotta dal giovane e sulla quale viaggiava insieme a due coetanei. Per tutta risposta il ragazzo, però, è subito fuggito a forte velocità e dopo un lungo e pericoloso inseguimento durato alcuni minuti è andato a schiantarsi contro un palo dell’illuminazione pubblica in via Prati. Dopo che gli occupanti dell'auto sono usciti incolumi dall’autovettura distrutta, anche con l’aiuto dei carabinieri, è stato accertato che il conducente era in stato di ebrezza con un tasso alcolemico di 1,09 g/L e lo stesso si è giustificato dicendo di essere fuggito a causa di in un pregresso ritiro della propria patente di guida e, temendo la stessa sorte, aveva deciso di dileguarsi, con un esito però disastroso. Il giovane è successivamente comparso sabato mattina davanti al Tribunale di Treviso per l’udienza di convalida dell'arresto ed il relativo rito direttissimo da cui è scaturito che al giovane è stato applicato l’obbligo di firma in attesa del giudizio. Nessun provvedimento è stato invece preso nei confronti degli altri due coetanei.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Incubo finito, Letizia rintracciata a Piacenza

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Lego in mostra a Treviso: migliaia di mattoncini per una città ecosostenibile

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

Torna su
TrevisoToday è in caricamento