menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una foto dell'incidente

Una foto dell'incidente

Lastre di ghiaccio fatali sulle strade della Marca: auto esce di strada e si capovolge

Una Lancia Y venerdì mattina ha avuto un brutto incidente lungo via Gramsci a Montebelluna. Salvo fortunatamente il conducente, uscito dal mezzo con lesioni lievi

MONTEBELLUNA La nevicata di giovedì sera ha creato problemi al traffico in tutta la Marca con viabilità quasi ovunque rallentata a causa dell'asfalto reso viscido dalla neve e dalla pioggia, soprattutto sulle strade secondarie che sono rimaste anche ghiacciate per tutta la notte. Poco dopo le 9 di venerdì, però, spettacolare incidente a Montebelluna, in via Gramsci: una Lancia Y, per causa in corso di accertamento da parte della polizia locale, è infatti improvvisamente uscita di strada e si è capovolta. Fortunatamente solo lievi le ferite riportate dall'automobilista alla guida del mezzo. Inoltre, un secondo incidente si è verificato anche poco dopo le 12 a San Biagio di Callalta, in via Gorizia. La causa è sempre il ghiaccio: un'anziana, di 80 anni è finita con la sua utilitaria in un fossato. Solo lievi ferite per lei. Sul posto i vigili del fuoco. Infine, Postumia chiusa a San Biagio di Callalta in direzione tangenziale da Olmi, all'altezza del cavalcavia dell'azienda Archiutti. Traffico deviato causa ghiaccio.

IMG_5675-2
 

PIANO NEVE A TREVISO - Nella notte tra il 12 e 13 gennaio, come disposto dal Sindaco di Treviso Giovanni Manildo, il Comune ha attivato il Piano Neve avviando le operazioni di controllo e pulizia delle strade anche con la collaborazione fattiva della Protezione Civile Comunale. Le squadre hanno lavorato fino ad oltre le 02.00 della notte spargendo il sale su tutte le principali viabilità. “Ringrazio tutti i tecnici e il personale per la celerità con cui sono intervenuti", dichiara il sindaco di Treviso Giovanni Manildo. "È stato attivato il Coc alle ore 20 di ieri sera - dichiara l'assessore alla cura e al benessere urbano Ofelio Michielan - e per tutta la notte siamo intervenuti con cinque mezzi spargi sale e personale dei lavori pubblici coadiuvati dalla protezione civile”. L'attività si ripeterà nel corso della notte tra il 13 ed il 14 gennaio dove sono attese temperature prossime o appena sotto lo zero. Per questo è necessario che si moderino le velocità e si ponga la massima attenzione al fondo strade. Il Comune tuttavia anche non potendo garantire la distribuzione del sale in tutte le strade secondarie, si sta adoperando per coprire quanto più possibile il territorio. Il rischio di gelate è reale ed è presente sulle strade ove sia minore l'effetto di asciugatura dovuto al passaggio dei veicoli.

Sgombero neve e ghiaccio – L’articolo 34 del Regolamento di Polizia Urbana

Va inoltre ricordato a che l'articolo 34 del regolamento di Polizia Urbana prevede che i proprietari, gli affittuari e gli inquilini delle case e gli esercenti di negozi, di laboratori e di pubblici esercizi, hanno l’obbligo di provvedere allo sgombero della neve e del ghiaccio dai marciapiedi nei tratti antistanti gli accessi degli immobili di rispettiva competenza e di coprire o cospargere con materiale antisdrucciolevole le formazioni di ghiaccio sul suolo e sui marciapiedi stessi. Nel caso di formazioni di ghiaccio sui cornicioni degli edifici o su altri punti dei fabbricati sovrastanti il suolo pubblico o soggetto al pubblico transito, i soggetti di cui al comma precedente dovranno provvedere all’abbattimento dei blocchi di ghiaccio nei modi e nei tempi opportuni. In caso di abbandonarti nevicate, il Sindaco potrà inoltre ordinare lo sgombero della neve dai tetti, dai terrazzi e dai balconi. Le operazioni di cui ai precedenti commi dovranno essere eseguite con le opportune cautele, collocando preventivamente ai margini di caduta della neve o del ghiaccio i necessari segnali e sbarramenti in maniera da evitare danni alle persone o alle cose. Le operazioni di scarico della neve dai tetti che dovessero comportare interruzioni o dirottamenti della circolazione veicolare o pedonale dovranno essere preventivamente autorizzate dall’Amministrazione comunale che stabilirà di volta in volta l’orario relativo e le eventuali cautele. E’ vietato scaricare o depositare sul suolo pubblico la neve o il ghiaccio provenienti da luoghi privati, o gettare o spargere acqua che possa gelare. La neve rimossa dai marciapiedi, caduta o scaricata dagli edifici, non dovrà in nessun caso essere cosparsa o accumulata sulla sede stradale in modo da cagionare pericolo, ostacolo o intralcio alla viabilità. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Attualità

«Perchè non è stata vaccinata anche mia moglie?»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento