Schianto all'alba: morto barista 27enne, ferita una 22enne

Incidente poco dopo le 4.30 lungo via Belvedere a Canton di Silea. A perdere la vita Salvatore Abel Aprile, originario di Barletta ma residente a Roncade. Sul posto Suem 118, vigili del fuoco e polizia stradale

Il luogo dell'incidente

E' di una vittima, Salvatore Abel Aprile, un 27enne originario di Barletta ma residente a Roncade, e una ragazza di 22 anni, residente in Svizzera, M.M.V., ricoverata in gravi condizioni all'ospedale Ca' Foncello di Treviso, il tragico bilancio di un incidente stradale avvenuto all'alba di oggi, 7 gennaio, poco dopo le 4.30, a Canton di Silea, in via Belvedere, poco distante dall'ex ristorante "Barchessa", oggi Risto Le Papere. In quel tratto la strada che costeggia il Sile, all'incrocio tra via Bassa Trevigiana e via Canton (al confine tra Silea e Casale) è leggermente in curva. L'auto, una Mini con targa svizzera su cui i due viaggiavano, stava procedendo da Casale sul Sile in direzione di Roncade: prima del ristorante il mezzo, in prossimità di una curva a sinistra, è sbandato verso destra, schiantandosi violentemente prima contro il muretto di cinta di un'abitazione e poi contro un palo dell'Enel che è stato divelto nell'impatto. Il veicolo, sbalzato poi verso la parte sinistra della carreggiata si è poi capovolto. Medico e infermieri del Suem 118, giunti sul posto, non hanno potuto far molto per salvare la vita al 27enne, morto sul colpo a causa delle gravi lesioni riportate nell'impatto.

122004556_10214242726822149_7251830715292446180_n-2

A provocare l'incidente, si ipotizza, un improvviso malore o un colpo di sonno del 27enne che era alla guida della Mini anche se un ruolo potrebbe averlo avuto anche la nebbia, a quell'ora era particolarmente fitta, e l'asfalto viscido. Sul posto, oltre al personale medico, sono intervenute anche alcune squadre dei vigili del fuoco di Treviso e una pattuglia della polizia stradale che ha svolto sul posto i rilievi del caso e ora indaga sulla tragedia. E' stato necessario l'intervento anche dei tecnici di Enel distribuzione. Il traffico in zona, per permettere i soccorsi, lo svolgimento dei rilievi di legge e gli accertamenti del caso, ha subito pesanti rallentamenti fino alla tarda mattinata. Salvatore Aprile viveva con i genitori a Roncade, in via Longhin. Era conosciuto come barista e aveva lavorato in alcuni locali, tra cui la "Capannina" a Jesolo, oltre che al bar del centro commerciale Arsenale a Roncade. Fino a sei mesi fa era impegnato a Parigi, in un locale, lo Chez Pierrot "Antonio e Antonio" dove ha lavorato come cameriere per circa un anno. Innamorato della sua terra, il Salento, sognava di potervi fare ritorno e viverci. Il funerale sarà fissato nei prossimi giorni, non appena il magistrato firmerà il nullaosta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Telepass: «Due anni di canone gratuito per i residenti nella Marca»

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

Torna su
TrevisoToday è in caricamento