menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una foto di una delle auto incidentate

Una foto di una delle auto incidentate

Si schianta con l'auto poco distante da casa: morto un padre di famiglia

Osagie Aduduka ha perso la vita domenica, verso le 18.30, lungo via Santandrà a Ponzano Veneto, nei pressi dell'incrocio con via Chiesa. Sul posto il Suem 118 e la polizia stradale

Domenica di sangue sulle strade della Marca. Verso le 18.30, si è infatti consumato il quarto incidente mortale della giornata. Questa volta a perdere la vita il 34enne nigeriano, padre di famiglia, che si è schiantato con la sua Toyota Yaris a poca distanza dalla propria abitazione in via Santandrà a Ponzano Veneto, nei pressi dell'incrocio con via Chiesa e vicino al nuovo ristorante Noïr. L'impatto con un piccolo muretto a bordo strada, per motivi ancora da chiarire, è stato così violento che l'auto è rimasta capolvolta su un lato sull'asfalto. Coinvolta nel sinistro anche una Fiat Panda XL, che precedeva la Yaris, con a bordo una donna rimasta leggermente ferita e poi portata per accertamenti al pronto soccorso insieme alla moglie della vittima, scesa subito in strada con in braccio il loro bambino di cinque mesi e rimasta ovviamente sotto choc. Sul posto, insieme ai vigili del fuoco, è poi giunta anche la polizia stradale per tutti i rilievi di rito.

osagie-2

Chi era la vittima

Osagie Aduduka viveva in Italia da diversi anni e 5 mesi fa era diventato papà per la prima volta. Lavorava come magazziniere ma da tre mesi non aveva più un lavoro. Una situazione non facile visto la nascita della sua prima bambina poche settimane prima. Il suo carattere solare non gli aveva mai fatto perdere il buonumore e la speranza di poter trovare una soluzione a quella situazione non facile per lui e la sua famiglia. Chi lo conosceva bene lo ricorda come una persona che amava far festa. In molte serate, dopo il lavoro, si divertiva a fare lo speaker e il musicista. Aveva un talento innato per l'intrattenimento e il saper coinvolgere le persone al punto che aveva adottato anche un nome d'arte: si faceva chiamare Mc Aluzik. A Ponzano, dove Osagie viveva con la compagna, è arrivata anche la sorella del 34enne, anche lei residente in Veneto, a Padova. La compagna e la figlia di soli 5 mesi ora avranno bisogno di tutto il sostegno possibile per riuscire a superare questa tragedia.

bdfb4ba7-a955-42cc-8f98-f49e44064b77-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto Canova, Ryanair annuncia la programmazione estiva

Attualità

Decreto riaperture, la bozza: «Il coprifuoco resta alle 22»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento