Cronaca

Zaia incontra gli imam del Veneto e apre alla convivenza pacifica

Il Governatore del Veneto si è riunito lunedì mattina a Palazzo Balbi insieme ai rappresentanti delle comunità islamiche venete

VENEZIA — Trovare percorsi comuni volti all’integrazione e alla convivenza di fedi religiose diverse. È l’obiettivo che si sono prefissati la Regione, con il Governatore Luca Zaia, e i rappresentanti delle principali comunità islamiche del Veneto, coordinati da Abdallah Khezraji, vicepresidente della Consulta regionale per l’immigrazione, che si sono incontrati lunedì mattina a Palazzo Balbi di Venezia.   Zaia ha ascoltato gli interventi di tutti i presenti, ricordando che la Regione del Veneto, con la Consulta per immigrazione, è sempre disponibile a recepire istanze legittime. Il vero problema oggi sul tappeto riguarda però le notizie provenienti soprattutto dal medio oriente e che inducono alla paura i veneti, e non solo, e forniscono l’immagine di un Islam sanguinario e integralista. Tutti gli imam hanno ribadito che l’Islam è una religione che si fonda su pace e tolleranza e Zaia ha ricordato che, prima di chiedere, occorre esprimersi senza tentennamenti a favore di un Islam moderato che è contro il terrorismo e l’integralismo. Quello che viene invece oggi percepito dell’Islam danneggia infatti la stessa comunità islamica e compromette il percorso di integrazione del quale il Veneto è modello antesignano e ispiratore.

“Proprio a Treviso – ha ricordato Zaia – nel 1995 venne aperto il primo centro di assistenza al lavoro per emigranti”. La Regione, dal canto suo, ogni anno affronta numerosi impegni anche economici per aiutare la Consulta dell’immigrazione a raggiungere i suoi obiettivi. Le comunità islamiche – ha aggiunto in sostanza il presidente della Regione – non devono perdere questa occasione per sdoganare definitivamente l’Islam come religione pacifica e desiderosa di integrazione, evitando le lusinghe di una politicizzazione che troppo spesso presenta un quadro irreale e ipocrita di ciò che concretamente sono nel nostro Paese integrazione e possibilità di lavoro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zaia incontra gli imam del Veneto e apre alla convivenza pacifica

TrevisoToday è in caricamento