Al via i lavori per l'ultimo miglio della Treviso-Ostiglia: traffico in tilt sulle strade

Iniziati nelle scorse ore i lavori per la realizzazione del primo dei due tunnel previsti sul tracciato dell'ultimo miglio della Treviso-Ostiglia. Code e disagi per gli automobilisti

Foto di Vittore Trabucco

TREVISO Scattata puntuale alla mezzanotte di ieri la 3 giorni no stop per la realizzazione del primo dei due tunnel previsti sul tracciato dell'Ultimo Miglio della Treviso-Ostiglia, il tratto finale, tutto nel territorio del comune di Treviso che da strada dell'Aeroporto arriva al punto d'origine storico dell'ex tratta ferroviaria, la stazioncina di Santi Quaranta nel quartiere Eden, edificato per le maestranze della propria fornace dall'ingegner Graziano Appiani agli inizi del secolo scorso.

Già pronta la base dello scavo, si stanno man mano posizionando i 23 monoblocchi che formeranno l'ossatura del tunnel "Po" a cui seguirà il ripristino del pezzo di tangenziale interessato ai lavori di scavo per la completa riapertura della tratta nella nottata di domenica. Presenti sul posto i dirigenti della Regione Veneto, in particolare l'avvocato Enrico Specchio, coordinatore del progetto "Green Tour verde in movimento" di cui la ciclopedonale costituisce l'asse portante e l'architetto Alessandro Mandricardo, responsabile del procedimento oltre al direttore di cantiere, l'ing. Stefano Airoldi. "Siamo nei tempi" ci hanno dichiarato e il tour de force encomiabile che vede le maestranze del consorzio d'imprese, su tutte la Romano Dino, impegnate 24 ore su 24, lo conferma appieno. Code continue lungo strada dell'aeroporto e strada di Boiago dovute , purtroppo, per il totale non rispetto della segnaletica approntata che, opportunamente, fa deviare a dx il traffico aggettante sulla Noalese fino alla rotonda dell'ex ceramica Pagnossin per far girare verso Treviso chi deve dirigersi per l'aeroporto, la dogana o la città. Invece si stanno assistendo a scene di ordinaria follia con gente che pretende di girare a sx subito o, peggio, facendo incredibili inversioni di marcia per bypassare, e non si capisce come, la coda presente, bloccando così  il traffico in ogni direzione. I disagi, inevitabili, sarebbero minimi e tranquillamente sopportabili, come scrissi  preannunciando i la vori in questione, se avessimo, tutti, una briciola di buon senso

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma alla locanda Righetto: 28enne trovata senza vita nella sua stanza

  • Indagine sull'ex comandante dei carabinieri di Castelfranco, l'inchiesta si allarga

  • Autotrasporti: in arrivo i rimborsi per i costi delle patenti professionali

  • Ordina uno spritz con gli amici: muore a 59 anni stroncato da un infarto

  • Grave schianto tra una moto e un'auto: il centauro finisce all'ospedale

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: tre giorni di feste e divertimento

Torna su
TrevisoToday è in caricamento