Sfreccia a 150 all'ora in Pontebbana, poi si schianta: maxi multa e 50 punti in meno

Inseguimento da film lungo la strada statale tra i comuni di Spresiano e Treviso. L'uomo alla guida di una Fiat Punto ha provato a darsi alla fuga senza successo. Sanzione esemplare

Nella notte tra martedì 13 e mercoledì 14 agosto una pattuglia della polizia stradale di Treviso, durante una serie di normali controlli, ha intimato l’alt ad una Fiat Punto che stava viaggiando lungo la Pontebbana nel Comune di Spresiano, in direzione Treviso.

Il conducente, alla vista degli agenti, invece di rallentare, ha accelerato di colpo cercando di darsi al fuga. Prontamente gli agenti, si sono messi all’inseguimento dell'uomo che ha iniziato a lanciarsi in manovre spericolate pericolosissime. Numerosi sorpassi in prossimità di curve e incroci con ridotta visibilità, in tratti di strada all’interno di centri abitati con limiti massimi di 50 chilometri all'ora. L’inseguimento è andato avanti per decine di chilometri, visto che il protagonista, arrivato a Treviso, ha invertito il senso di marcia rilanciandosi in una folle corsa nuovamente lungo la Pontebbana, raggiungendo anche velocità superiori ai 150 chilometri all'ora passando più volte con il rosso a numerosi incroci.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli uomini delle forze dell'ordine, dopo averlo seguito a debita distanza, lo hanno raggiunto a Susegana, nel comune di Ponte della Priula, solo perché l'uomo ha perso il controllo del veicolo uscendo di strada. Prontamente soccorso, il conducente una volta accertato che fosse illeso, veniva identificato per un giovane poco più che ventenne nato e residente nella provincia trevigiana, per lui sono scattati tutti i controlli di rito, dai quali è emerso che il tasso alcolemico era 4 volte superiore il limite massimo consentito dalla legge imposto in 0,5 g/l. Nei confronti del predetto scattava la denuncia per resistenza e guida in stato di ebbrezza con il contestuale ritiro della patente di guida per la successiva revoca del documento; lo stesso veniva inoltre sanzionato ai sensi degli articoli: 141/3-8 (velocità pericolosa), 148/12-16 (sorpasso in corrispondenza intersezione), 148/11-16 (sorpasso in corrispondenza lanterna semaforica) 148/10-16 (sorpasso in corrispondenza di tratto curvilineo), 146/2 (violazione segnaletica orizzontale) 146/3 (inosservanza luce rossa semaforica), 141/2-11 ( perdita del controllo del veicolo) 15/1- 2 ( danneggiamento manufatti) 192/6 (mancato arresto ad alt imposto dalla Polizia) del codice della strada che comporteranno il pagamento di sanzioni amministrative per diverse migliaia di euro e la decurtazione di oltre 50 punti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento