rotate-mobile
Cronaca

Scalatrice cade per cinque metri in cordata sul Lagazuoi: la salva l'elisoccorso

La 36enne tedesca è stata soccorso dall'elicottero del Ca' Foncello e poi portata all'ospedale di Cortina. Un 46enne trevigiano si è invece perso sul Monte Rusiana nell'agordino

Venerdì mattina verso le 10.20 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato in Civetta, ad Alleghe (BL), poiché un'escursionsita svizzera di 27 anni si era procurata un sospetto trauma alla caviglia, mentre con un gruppo di persone stava transitando sulla Forcella Col Rean sotto il Rifugio Tissi. Sbarcati in hovering medico, infermiere e tecnico di elisoccorso, alla ragazza sono state prestate le prime cure. Recuperata con un verricello di 5 metri, l'infortunata è stata trasportata all'ospedale di Agordo (BL). Subito dopo, su richiesta della Centrale di Bolzano, l'eliambulanza è stata inviata al Rifugio Locatelli, a Dobbiaco (BZ), dove si temeva un malore per un escursionista sessantenne di Finale Ligure (SV). Atterrati nelle vicinanze, dopo le valutazioni mediche dell'equipe sanitaria, è stato deciso di accompagnare l'uomo all'ospedale di Belluno per gli accertamenti del caso.

Verso mezzogiorno e mezza l'elicottero di Treviso emergenza è intervenuto sul Piccolo Lagazuoi, lungo la Via Orizzonti di gloria, dove una scalatrice, prima di cordata, era volata per 5 metri sul quarto tiro, sbattendo con il piede sulla roccia. Una volta individuata, l'alpinista, S.J., 36 anni, tedesca, è stata raggiunta in parete dal tecnico di elisoccorso, calato con un verricello di 20 metri, e recuperata. Imbarcata allo stesso modo anche la compagna rimasta in sosta. L'infortunata, con un possibile trauma alla caviglia, è stata trasportata all'ospedale Codivilla di Cortina (BL). Attorno alle 15 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato in direzione dei boschi di Col di Villapiccola ad Auronzo di Cadore (BL), per un fungaiolo colto da malore. Dopo aver individuato, non senza difficoltà, il punto in mezzo agli alberi dove si trovava l'uomo, 49 anni, di San Donà di Piave (VE), assieme all'amico che aveva dato l'allarme, l'elicottero ha sbarcato medico, infermiere e tecnico di elisoccorso con un verricello di 50 metri. Purtroppo non è stato possibile altro che constatarne il decesso. Ricomposta, la salma è stata recuperata e trasportata a valle. Pronto a intervenire anche il Soccorso alpino di Auronzo. 


Una squadra del Soccorso alpino della Val Biois è invece partita alla ricerca di un escursionista che si era perso in mezzo agli schianti, in un'area compresa tra la frazione di Cianazede e il Piz Zorlet, a San Tomaso Agordino (BL). Riusciti a risalire alle coordinate Gps, i soccorritori hanno impiegato due ora a ritrovare l'uomo, 75 anni, di Venezia, tra le piante abbattute. Una volta da lui, verificato che si era fatto male a una caviglia, l'uomo è stato imbarcato con un verricello dall'eliambulanza del Suem di Pieve di Cadore, poi partita in direzione dell'ospedale di Agordo (BL). Anche i due soccorritori sono stati caricati a bordo e portati in piazzola. Un escursionista trevegiano di 46 anni, che aveva perso l'orientamento scendendo dal Monte Rusiana, ad Auronzo di Cadore (BL), è stato invece aiutato telefonicamente dalla Centrale operativa del soccorso alpino, che, capito dove si trovava, gli ha dato le indicazioni per tornare alla macchina. Infine, l'eliambulanza dell'Aiut Alpin Dolomites di Belluno ha soccorso un turista padovano, R.B. di 41 anni, sentitosi poco bene mentre si trovava in prossimità del Lago Coldai, in Civetta. L'uomo è stato accompagnato all'ospedale di Agordo (BL) per le verifiche del caso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scalatrice cade per cinque metri in cordata sul Lagazuoi: la salva l'elisoccorso

TrevisoToday è in caricamento