menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I Linea77 (foto Chiara Mirelli)

I Linea77 (foto Chiara Mirelli)

L'INTERVISTA - Parlano i Linea 77: "Treviso città europea"

La band tornerà nel capoluogo trevigiano venerdì 8 novembre per la prima tappa del tour "C'eravamo tanto amati" all'Home Rock Bar in via Fonderia

Treviso una delle città più europee d’Italia musicalmente parlando. Lo ha detto Nitto, la voce dei Linea 77, storica band che quest’anno compie vent’anni. «Quando suoniamo a Treviso ci sembra di essere a casa (il gruppo è nato a Torino), sono tanti i trevigiani che ci seguono e lo conferma anche la nostra seconda presenza all’Home Festival. Nonostante ad attenderci non ci fosse il main stage, il pubblico ha cantato e ballato come forse non ci aspettavamo».

La band tornerà nel capoluogo venerdì 8 novembre di fronte al pubblico dell’Home Rock Bar per la prima tappa del tour «C’eravamo tanto amati». La data zero a Prato della scorsa settimana ha fatto sold out con grande stupore. I Linea 77, che prendono il nome dall’autobus su cui viaggiavano per andare a provare all’età di 15 anni, escono con due Ep, «La speranza è una trappola» e «L’involuzione della specie». Un viaggio per imparare a reagire e non rimanere a guardare disillusi di fronte a quello che ci circonda. «La speranza è una trappola» si rifà a un’intervista del grande Mario Monicelli nella quale diceva: «La speranza è una trappola inventata dai padroni, io spero in qualcosa che non c'è mai stato in Italia, una bella rivoluzione». E i Linea 77 hanno deciso di seguire le orme del regista rendendogli omaggio e viaggiando insieme a lui con la convinzione che non si debba aspettare che qualcosa succeda dall’alto ma al contrario si debba reagire.  

La band ha scelto di produrre due Ep e non un album: «Questo anche a causa della crisi nel mondo discografico – dice Nitto – Ormai non serve più produrre un disco all’anno, apprezziamo di più il live e gli episodi frequenti per tenere sempre attento il nostro pubblico». E se la prende con i talent show che definisce una sconfitta: «Sono utili però sono tristi per chi vive la musica facendosi i chilometri per andare a suonare. Non basta stare davanti a una telecamera. Molti di quelli che escono dai talent vivono un anno di gloria e finiscono per diventare testimonial pubblicitari». E invece i Linea 77 continuano a salire sul palco giorno dopo giorno. Lunedì 11 novembre, tra l’altro, uscirà il video ufficiale del secondo Ep, «L’involuzione della specie».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Attualità

L'Arsenale di Roncade ceduto al fondo francese C-Quadrat

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento