menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il salvataggio del giovane a Jesolo

Il salvataggio del giovane a Jesolo

Rischia di rimanere paralizzato per un tuffo dalla piattaforma

È un 26enne di Oderzo che nel pomeriggio di oggi, martedì, a Jesolo per gioco ha tentato di centrare il foro del salvagente buttandosi in acqua. Elitrasportato al Ca' Foncello di Treviso dal Suem 118

A Jesolo in vacanza con famigliari e parenti, un 26enne di Oderzo, M. B., stava giocando a tuffarsi dalla piattaforma, posta al largo della torretta 11 per prendere il sole, altezza piazza Mazzini, in Largo Augustus. Nonostante il cartello con il divieto, verso le 17 di oggi, martedì 23 luglio, secondo le prime testimonianze, si sarebbe buttato in acqua facendo in modo di centrare il foro del salvagente. Ma qualcosa è andato storto. Probabilmente per un movimento innaturale del corpo, dopo l'immersione avrebbe detto di non sentire più le gambe. Sul posto i soccorsi del 118, chiamati subito dai bagnini della Jesolo Turismo, per la prima assistenza.

Il recupero con l'elicottero

Intervenuta anche la guardia costiera che ha caricato a bordo del proprio gommone i sanitari fino al largo, per raggiungere la piattaforma. Poi l'arrivo dell'elicottero del Suem. Molto delicate le manovre di recupero del giovane per via della sospetta lesione alla spina dorsale. Gli operatori del 118 hanno calato una barella con la lettiga dal velivolo, poi hanno imbracato il ferito e lo hanno sollevato, trasferendolo all'ospedale Ca' Foncello di Treviso. Non sono ancora note le sue condizioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento