rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Cronaca

Jihad, cinque indagati in Veneto con l'accusa di terrorismo

L'inchiesta della Procura di Venezia ha portato a cinque uomini, sospettati di aver reclutato persone per raggiungere la Siria e l'Iraq

VENEZIA — Cinque uomini sono iscritti nel registro degli indagati in Veneto con l’accusa di terrorismo. Si tratterebbe di persone originarie dei Balcani e legate alla morte di Ismar Mesinovic, il bosniaco residente in provincia di Belluno che perse la vita durante un combattimento in Siria. Il fatto risale a diversi mesi fa. Il bosniaco, che aveva aderito alla Jihad, morì durante lo scontro.

Ora l’inchiesta della Procura di Venezia, condotta dai Ros, avrebbe portato a cinque uomini che sarebbero sospettati di essere vicini alla Jihad. Secondo l’inchiesta, si tratterebbe di persone che potrebbero già essersi occupate di reclutare altre persone per raggiungere l’Iraq e la Siria.

Già negli ultimi giorni il Ministero dell’Interno aveva lanciato un’allerta terrorismo. Proprio in Veneto gli investigatori avevano intensificato i controlli, anche in seguito all’espulsione dell’imam dalla moschea di San Donà di Piave, nel Veneziano. Nei giorni successivi diversi centri islamici erano stati passati al setaccio dalle forze dell’ordine.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jihad, cinque indagati in Veneto con l'accusa di terrorismo

TrevisoToday è in caricamento