Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca San Giuseppe

Il King’s di Jesolo riapre i battenti tra storia e futuro

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

La stagione estiva di Jesolo farà i conti quest'anno con una rinnovata tradizione, grazie alla riapertura stabile del King's River Club ad opera di 2 giovanissimi ma esperti imprenditori di 25 e 26 anni la notte di Sabato 23 Maggio.

50 serate, 30 ospiti nazionali ed internazionali di grande rilievo, ed un locale interamente ristrutturato che punta alle oltre 100 mila presenza tra fine maggio e settembre.

Con una superficie di 5000 mq distribuita in tre grandi sale ed uno splendido giardino estivo il locale potrà ospitare circa 3000 persone a serata. Il King's di Jesolo darà lavoro a circa 50 operatori di età compresa tra i 20 ed i 50 anni.

A lanciare la sfida ad una tradizione internazionale di grande rilievo Riccardo Checchin e Thomas Visentin, rispettivamente di 26 e 25 anni, imprenditori dell'intrattenimento con una lunga storia di successo alle spalle. Già soci dello Sugar Reef di Piombino Dese, Riccardo Checchin e Thomas Visentin sono tornati al successo con lo Story di Santa Giustina in Colle, discoteca tra le più note dell'alta padovana, ed ora tentano la via delle notti jesolane prendendo in gestione uno dei locali più noti dell'interno Veneto orientale. Ad affiancare i due giovanissimi soci del King's Stefano Rampinelli, Samuele Bucciol, Andrea Lucchese e l'imprenditore jesolano Gianni Gobbo.

Già punto di riferimento della night life fin dalla sua apertura, nel 1967, la discoteca King's River di Jesolo Lido ha offerto alla sua selezionata clientela spettacoli di altissimo livello con ospiti nazionali ed internazionali come Charles Aznavour, Gino Paoli, Patty Pravo, Ornella Vanoni, Fred Bongusto, Grace Jones, Matt Bianco, Kim Mazele e tanti altri. Ora il King's riparte dalla più classica musica commerciale e radiofonica contemporanea spingendosi fino ai confini della nuova ed elegante "future-house".

Tutti i Mercoledì, Venerdì e Sabato sera dalla riapertura del prossimo 23 maggio fino a settembre inoltrato, a dare vita ad un impianto audio di ultima generazione DVA T8 Db Technologies con una potenza sviluppata di 40.000 W e di un LEDWALL HD passo 3 mm, saranno le migliori firme del panorama musicale internazionale: Michael Calfan, autore della Hit Treasured Soul , la star mondiale Oliver Heldens, produttore e DJ olandese, il celebre Tommy Vee, Mauro Ferrucci, Tujamo e molti altri.

E se l'offerta musicale sarà all'altezza della migliore tradizione dello storico River Club, non mancheranno in questa estate ospiti di primo piano del panorama del piccolo e del grande schermo.

«A partire dal mitico Rocco Siffredi fino al giudice di Amici Gabry Ponte passando per i naufraghi dell'Isola dei Famosi 2015 Cristina Buccino e Alex Belli, molte star dello schermo hanno già confermato la loro presenza - spiega Riccardo Checchin - e passeranno da noi a divertirsi e ballare al ritmo del sound dei nostri DJ internazionali».

Una sfida pronta per essere vinta quella della riapertura definitiva del King's anche a dispetto di una crisi che ha fatto sentire il suo peso anche sul sistema della night life veneta.

In Veneto ad oggi infatti si contano circa una 70 ina di locali tra discoteche e giardini estivi attivi, quando solamente 10 anni fa il numero risultava almeno 3 volte superiore.

Secondo dati Istat, 1 veneto su 5, un 20% della popolazione residente (dato valido anche per le principali città del Veneto Centrale e Orientale) ha dichiarato di essere stato almeno una volta in una discoteca o in un locale da ballo durante l'anno. Una cifra imponente in numeri assoluti che però sconta in 10 anni, causa la pesante crisi dei consumi che ha colpito il Paese, una perdita di frequenza di circa 7 punti percentuali, (era il 27,2% della popolazione a frequentare locali da ballo nel 2003).

Nell'ambito del pubblico di riferimento del King's River Club di Jesolo (fascia di età tra i 18 e i 44 anni di pubblico nazionale ed internazionale) la percentuale di frequentatori di locali pubblici sale mediamente intorno al 70% e, pure con una perdita di partecipazione che in 10 anni si è ridotta di circa il 4%, il bacino di utenza in Veneto raggiunge la cifra ragguardevole di circa 1,2 milioni di giovani.

«Nonostante il periodo di crisi il nostro modello di business punta ad una ricerca costante di qualità, nei servizi e nei prodotti proposti. Grandi aziende nel mondo dell'intrattenimento come parchi divertimento, cinema multisala, grandi eventi, spesso per le loro dimensioni e problematiche gestionali puntano negli ultimi tempi a ridimensionamenti, taglio dei costi ecc. - spiega Thomas Visentin, la mente finanziaria del King's. - Noi personalmente viviamo mediamente 15 ore al giorno all'interno delle nostre aziende, cercando per quanto possibile di seguire ogni processo e passaggio e stando attenti a tutto. Cerchiamo di trascorrere quanto tempo possibile assieme ai nostri collaboratori, anche al di fuori dell'ambiente lavorativo, per ascoltare le loro idee, per fare gruppo, e per crescere assieme. I tempi oramai sono cambiati: la gestione dei locali inoltre oramai è diventata di difficile precisione, una decina di anni fa, si potevano prevedere i week-end di maggiore affluenza e si riusciva ad organizzare il calendario, oggi non esiste più una regola fissa, i flussi sono irregolari e imprevedibili».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il King’s di Jesolo riapre i battenti tra storia e futuro

TrevisoToday è in caricamento