rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca Castelfranco Veneto

Chiusi due laboratori cinesi clandestini tra Castelfranco e Montebelluna

L'indagine si è conclusa con la chiusura degli stabilimenti che producevano capi di abbigliamento e calzature di alta moda

Due laboratori cinesi clandestini in provincia di Treviso sono stati chiusi a seguito di un’indagine della squadra mobile della Questura di Treviso unitamente alla guardia di finanza, lo Spisal, i vigili del fuoco, l’Inail e l’Inps. Le ditte in questione si trovavano in zona industriale tra Castelfranco Veneto e Montebelluna. il blitz delle forze dell’ordine è avvenuto in due giornate diverse, tra il 16 e il 23 settembre.

IL LABORATORIO DI CASTELFRANCO. La ditta produceva calzature griffate ma, a seguito di un controllo approfondito, è emerso che su sei lavoratori, quattro di loro erano completamente in nero. Due di loro, inoltre, erano già stati licenziati e continuavano ad esercitare, per altri due il contratto non era stato rinnovato.

IL LABORATORIO DI MONTEBELLUNA. Un po’ più grave la faccenda in questo caso: nove lavoratori su 19 esercitavano completamente in nero, alcuni di loro avevano un regolare contratto ma esercitavano da prima che questo prendesse il via. La ditta produceva abbigliamento di alta moda.

Si tratta di un’operazione che mira soprattutto a contrastare il fenomeno della contraffazione. Attualmente le fiamme gialle stanno indagando sull’effettiva originalità della merce che veniva prodotta all’interno dei laboratori. Sanzioni meno pesanti, invece, per quanto riguarda la sicurezza. I vigili del fuoco hanno accertato la mancanza di documentazione relativa ai piani di emergenza. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusi due laboratori cinesi clandestini tra Castelfranco e Montebelluna

TrevisoToday è in caricamento