rotate-mobile
Cronaca Villorba

Guanti, coltelli e berretti di lana, si aggirano di notte con auto rubate

A finire nel mirino dei carabinieri un russo e un moldavo. Altri due colleghi, invece, sono riusciti a fuggire. Erano a bordo di veicoli rubati

Sono finiti in manette per ricettazione di auto rubata e uno di loro anche per porto d’armi abusivo. Si tratta di un russo di 39 anni, W.R., senza fissa dimora né precedenti alle spalle e un moldavo di 32 anni, A.N. Tutto è cominciato nella notte tra martedì e mercoledì, quando i carabinieri del radiomobile di Treviso si sono insospettiti alla vista di un soggetto che passeggiava nei pressi di un distributore di benzina a Villorba. Si tratta del 39enne che, alla vista dei militari, avrebbe provato a dileguarsi senza risultato. Addosso avrebbe avuto anche un coltello a serramanico con lama di 22 centimetri, oltre alle chiavi di una macchina, una Fiat Punto. Dagli immediati accertamenti, è emerso che il veicolo fosse oggetto di furto nei giorni scorsi all’interno di un’abitazione di Valdobbiadene.

LADRI AGGREDISCONO I CARABINIERI CON UNA SEGA CIRCOLARE

Dopo averlo trasportato in caserma, i militari sarebbero tornati sul posto, notando un’ulteriore automobile, una Chrysler con a bordo tre uomini che, premendo l’acceleratore, sono fuggiti. Ne è dunque nato un inseguimento, finchè i tre non hanno tentato di fuggire a piedi, ma uno di loro è stato fermato e  arrestato. Quest’ultimo, al momento dell’arresto, indossava un berretto e dei guanti, e si trovava in territorio trevigiano nonostante la Questura avesse emesso nei suoi confronti un provvedimento di espulsione. All’interno delle auto, attrezzi da scasso e taniche di gasolio vuote. 

LADRI ALL'OSPEDALE, RUBATI I QUADRI

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guanti, coltelli e berretti di lana, si aggirano di notte con auto rubate

TrevisoToday è in caricamento