menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lauree false in Regione: sotto inchiesta l'ex sindaco di Cessalto Giovanni Artico

Scoppia la bufera a Palazzo Balbi. Gli interessati smentiscono ma alla vicenda sta venendo esaminata in queste ore anche la Corte dei Conti. Artico era stato assolto per la vicenda del Mose

CESSALTO Esplode il caso lauree false in Regione e a Palazzo Balbi si inizia già a respirare aria di tempesta. Secondo le ultime indagini condotte da Stefano Ancillotto, il pm del pool che aveva indagato sulla vicenda del Consorzio Venezia Nuova e Mantovani, sembrerebbe che l'ex sindaco di Cessalto, nonchè ex capo del Progetto Venezia, Giovanni Artico (dimessosi nel 2015 dopo essere stato coinvolto e successivamente assolto nell'inchiesta Mose) sarebbe in possesso di una laurea falsa.

Il titolo in scienze politiche, conseguito da Artico all'Università di Trieste del 1993, non risulterebbe vero secondo le accuse mosse dal pm. L'ex primo cittadino è stato quindi iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di truffa, perché - come dice il codice - avrebbe procurato a sé un «ingiusto profitto» (lo stipendio da dirigente), «inducendo in errore, con artifizi e raggiri» la Regione. Le indagini sarebbero quasi arrivate al capolinea e presto potrebbe essere notificato l'avviso che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio. Artico potrebbe poi anche finire nel mirino della Corte dei Conti, così come l'altro funzionario scoperto con una laurea controversa, il segretario della commissione di Salvaguardia Enrico Tagliati: sicuro geometra e architetto presunto (visto che allo Iuav non c'è traccia di lui, nonostante sostenga di aver conseguito il titolo nel 1995) e per questo sospeso per sei mesi dal suo incarico. Anche Artico, da parte sua, si è subito affrettato a smentire le accuse mosse dal pm, sostenendo che la sua laurea era stata conseguita negli Stati Uniti, mentre a Trieste era andato a ritirare solo la documentazione necessaria al riconoscimento del titolo nel nostro Stato. Se così non fosse però, Tagliati e l'ex primo cittadino di Cessalto rischierebbero una multa salatissima, oltre a gravi sanzioni penali. Bisognerà attendere i prossimi giorni per avere nuovi sviluppi sulla vicenda.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Notizie

Bollo auto 2021: il Veneto proroga la scadenza

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tragico schianto in moto, muore dopo due giorni di agonia

  • Attualità

    Malore dopo la vaccinazione, 57enne ricoverato in ospedale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento