menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Com'era prima (a sx) e com'è invece adesso

Com'era prima (a sx) e com'è invece adesso

Nuovo look per l'ex lavanderia, completamente ristrutturata

Sabato 24 maggio riapre la casetta del quartiere Borgo Padova dopo un intervento di sistemazione reso possibile grazie al volontariato

CASTELFRANCO VENETO — Torna ad animarsi un prezioso angolo di Borgo Padova. Dopo circa due mesi di lavoro, impegno e passione, le famiglie che vivono negli edifici di proprietà dell’Azienda per l’Edilizia Economica e Popolare di Borgo Padova possono contare su un’utile e comoda struttura di aggregazione. Sarà inaugurata sabato 24 maggio alle 18.00, alla presenza di un rappresentante del Comune di Castelfranco Veneto e del’Aeep, la nuova “casetta del quartiere Borgo Padova” rimessa completamente a nuovo negli ultimi mesi da molti volontari dell’area.

Quella che 40 anni fa era nata come lavanderia di quartiere, si era col tempo trasformata in luogo di incontro per i molti anziani che vivevano nella zona. Purtroppo, però, con il trascorrere del tempo, l’accessibilità della struttura era via via venuta meno, sottraendo a poco a poco all’area un luogo di ritrovo e di relazione. Grazie all’intraprendenza di alcuni residenti - che si stanno costituendo nell’associazione no-profit “La Fontana”, un nome che richiama il gruppo di donne che un tempo frequentavano la casetta - e all’interessamento del vicesindaco di Castelfranco Veneto, Stefano Marcon e del presidente dell’Aeep, Alberto Comacchio, con la primavera sono iniziati i lavori di restyling della struttura. Il Comune di Castelfranco Veneto ha contribuito finanziando i materiali per la ristrutturazione, mentre molti volontari - con in testa Andrea Bonaldo, Piero Brugnera, Gari Brighenti e Fabio Smania - hanno donato la propria manodopera per i numerosi lavori necessari: dal rifacimento del tetto e della muratura, alla posa del cemento e della guaina, alla sistemazione degli infissi interni ed esterni, alla ritentiggiatura esterno, alla sistemazione degli arredamenti.

Un lavoro di squadra nato sulla scia dell’entusiasmo e della condivisione che ha contagiato anche molti commercianti di Borgo Padova che, indistintamente, in varie forme, hanno contribuito alla ristrutturazione della casetta con donazioni di vario genere ed ha trovato l’ottima diponibilità dell’ufficio Lavori pubblici, del signor Fantinato e dei suoi collaboratori. “Con il taglio del nastro della casetta del quartiere Borgo Padova - spiega la presidente dell’associazione “La Fontana”, Antonella Maramarco - rientra in attività un luogo che potrà essere utilizzato per molteplici scopi, ricreativi, culturali, sociali, associativi, aperto alle tantissime famiglie che vivono qui. Non un traguardo, ma un punto di inizio, che segna una proficua collaborazione con l’amministrazione comunale che ci ha finora supportato, e l’inizio di un percorso per rivitalizzare il quartiere a partire dalle relazioni umane coinvolgendo tutte le fasce d’età”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto Canova, Ryanair annuncia la programmazione estiva

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento