rotate-mobile
Cronaca

Attacchi alla Boldrini, Manildo le scrive una lettera: "Insulti deprecabili"

"Un messaggio di solidarietà e vicinanza dopo gli episodi di violenza verbale rivolti alla Presidente della Camera Laura Boldrini".

TREVISO - "Un messaggio di solidarietà e vicinanza dopo gli episodi di violenza verbale rivolti alla Presidente della Camera Laura Boldrini". Il sindaco di Treviso Giovanni Manildo e gli altri componenti della giunta comunale hanno aderito alla proposta dell’assessore alle pari opportunità Liana Manfio scrivendo e inviando questa mattina una lettera di sostegno a Boldrini.

“Desidero esprimerle, a titolo personale e a nome dell'intera giunta comunale, un messaggio di solidarietà e vicinanza dopo gli episodi di violenza verbale rivolti alla sua persona e alla carica dello Stato che rappresenta - scrive il primo cittadino che nella sua lettera parla di “insulti che consideriamo doppiamente deprecabili poiché ledono una figura di garanzia del nostro ordinamento costituzionale e rischiano di portare il confronto democratico a un livello di discussione inaccettabile”.

Parole oltraggiose che secondo Manildo potrebbero mettere a rischio “le molte battaglie per la parità tra i generi compiute nel corso degli anni da tante cittadine e tanti cittadini del nostro Paese. Ci rattrista poi – chiude il sindaco nella sua lettera - assistere allo spettacolo di forze politiche incapaci di esprimere il dissenso se non attraverso l'insulto”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attacchi alla Boldrini, Manildo le scrive una lettera: "Insulti deprecabili"

TrevisoToday è in caricamento