Zaia chiede un volo umanitario per riportare a casa Giulia Bottacin

Con una lettera inviata a Matteo Renzi, il governatore del Veneto ha chiesto di allestire con urgenza un volo umanitario per la 26enne di Paese

PAESE - Con una lettera inviata al Presidente del Consiglio Matteo Renzi, il governatore del Veneto Luca Zaia ha chiesto di allestire con urgenza un volo umanitario per riportare a casa Giulia Bottacin, la 26enne di Paese ricoverata in coma dal 29 gennaio scorso a Orlando, negli Stati uniti, a seguito di un grave incidente stradale accaduto mentre era alla guida della sua auto.

“Come per il professore padovano Cariolaro – sottolinea Zaia – intendiamo fare tutto quanto possibile per riportare a casa questa nostra sfortunata concittadina, come ormai è assolutamente necessario, alla luce delle sue condizioni cliniche e delle ingentissime e ormai insostenibili spese che la famiglia sta affrontando”.

“Purtroppo – scrive tra l’altro Zaia a Renzi – Giulia, dopo aver superato la fase critica di rischio per la sopravvivenza, è ancora in coma e non è purtroppo possibile prevedere se tale stato sarà reversibile. In ogni caso un recupero della coscienza non avverrà in tempi brevi e Giulia avrà bisogno di diversi mesi di ospedalizzazione con cure intensive e la presenza dei familiari al suo fianco”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Per le condizioni della ragazza – scrive ancora Zaia – non è possibile un trasferimento con volo di linea, bensì con un aeromobile appositamente attrezzato e sotto costante assistenza sanitaria. La Regione del Veneto – specifica Zaia – metterà a disposizione l’equipe medica e le attrezzature necessarie per il trasporto”. Una volta rientrata in Italia, Giulia Giulia Bottacin dovrebbe essere affidata alle cure degli specialisti dell’Ospedale Foncello di Treviso. L’iter burocratico necessario è già stato espletato ed il Consolato d’Italia a Miami ha già inviato la relativa richiesta alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento