Lorenzo Damiano rilancia: “Sì al biologico, salvaguardiamo la salute dei nostri figli”

Il leader del movimento del Popolo della Famiglia commenta l’inchiesta effettuata sul prosecco veneto da parte della trasmissione “Report” della Rai e precisa: "Occorre valorizzare l'eccellenza e tutelare il nostro territorio"

Il leader del movimento del Popolo della Famiglia, Lorenzo Damiano, commenta l’inchiesta effettuata sul prosecco veneto da parte della trasmissione “Report” della Rai e, come in campagna elettorale, rilancia: “Da sempre noi come Popolo della Famiglia ci siamo schierati contro l’utilizzo indiscriminato di fitofarmaci nell’area del prosecco in difesa delle famiglie e del territorio”.

"TUTELIAMO LA SALUTE DEI NOSTRI FIGLI"


Damiano continua: “Al nostro movimento, come dice il nome stesso, sta a cuore la salute delle nostre mamme e dei nostri bambini: i prodotti che vengono utilizzati in modo indiscriminato sulle nostre zone nuocciono gravemente alla salute. Siamo alle solite: mentre si discute e si chiacchiera, ogni giorno c’è il rischio che un bambino muoia colpito da tumore legato all’utilizzo di questi pesticidi. Lo avevamo detto in campagna elettorale e lo ribadiamo: numerosi studi scientifici dimostrano come ci sia uno stretto collegamento tra pesticidi e malattie quali il linfoma di Hodgkin o la Mcs, la “nuova” malattia della sensibilità chimica multipla che colpisce in particolare le donne e che trova maggiore concentrazione in aree più inquinate quali quelle industriali e quelle agricole. E’ il momento di dire basta e avere il coraggio di andare contro le grandi lobby dei fitofarmaci”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"LA SOLUZIONE E' IL BIOLOGICO"


“Da sempre – continua Damiano - chiediamo che venga valorizzata la qualità del prodotto e che vengano valorizzate aziende che attraverso controlli specifici garantiscono un prodotto di alto livello totalmente nel rispetto della natura. Le aziende biologiche del nostro territorio, come La Vigna di Sarah di Vittorio Veneto, sono i veri patrimoni del nostro Triveneto: perché è un’azienda Docg di eccellenza pronta a conquistare il mercato di tutto il mondo con un prodotto biologico superiore che non esiste in tutto il territorio e che merita di essere tutelato ulteriormente. Lo dimostrano la qualità, il controllo del prodotto e l’attenzione per l’ambiente. Grappoli di luna, frutto di una vendemmia notturna, è l’esempio concreto di come La Vigna di Sarah sia amore per il prodotto, in ogni sua fase di produzione, per la natura e per il cliente finale”. La soluzione per Lorenzo Damiano è solo una: “Occorre tornare al biologico al 100%: niente più prodotti chimici ad inquinare i nostri colli, niente più pesticidi che minano la salute dei nostri familiari. Maggiore qualità nella filiera: meno prodotto ma più di qualità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento