Furto di una bici nel 2015: condannato, finisce ai domiciliari

Il provvedimento eseguito dai carabinieri di Riese Pio X nei confronti di un 40enne romeno, residente a Loria. Ad incastrare il ladro erano state le telecamere di videosorveglianza

Una bici, foto archivio

Cinque anni dopo, per il furto di una bici, arriva la condanna e l'ordine del tribunale di scontarla ai domiciliari. Protagonista di questa singolare vicenda è un cittadino romeno 40enne, pregiudicato e residente a Loria. Nei giorni scorsi i carabinieri di Riese Pio X hanno notificato allo straniero un ordine di esecuzione pena in regime di detenzione domiciliare, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Treviso. Il 40enne è stato condannato alla pena di un anno di reclusione, per il reato di furto aggravato di una bicicletta commesso davanti alla Stazione ferroviaria di Castello di Godego, nel mese di novembre 2015. Le indagini erano state condotte all'epoca dai militari dell'Arma, attraverso l'analisi delle immagini della videosorveglianza comunale in occasione del furto. L'uomo è stato quindi accompagnato presso il proprio domicilio, dove scontera' la condanna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

Torna su
TrevisoToday è in caricamento