menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La legna depositata da Lotta Studentesca

La legna depositata da Lotta Studentesca

In classe 15°, Lotta Studentesca porta la legna al Canova

Sabato mattina il movimento ha depositato alcuni ceppi all'istituto di Treviso dopo che gli studenti si erano rifiutati di fare lezione

TREVISO Ceppi di legno per scaldare le classi. Un gesto simbolico per evidenziare il problema del riscaldamento nelle scuole, e in particolare all’interno dell’istituto Canova di Treviso, i cui studenti pochi giorni fa si erano rifiutati di fare lezione sostenendo che all’interno delle aule la temperatura non superasse i 15 gradi. La protesta dei ragazzi, partita dagli alunni della 4^C, li aveva portati a sedersi sull’atrio interno in attesa che la dirigenza trovasse una soluzione. (LEGGI)

A dare man forte agli studenti è intervenuto il movimento Lotta Studentesca che nella sabato mattina ha depositato alcuni ceppi di legna nell’istituto. Un messaggio nei confronti della preside, come sottolineano i ragazzi in una nota “per permetterle di scaldare le classi visto che le temperature nelle aule sono al di sotto del limite imposto per legge, cioè 18 gradi”.

“Il gesto, puramente simbolico e goliardico – precisano da Lotta Studentesca –, vuole sottolineare la condizione di disagio che si vive nelle scuole italiane. Ci auguriamo che questa azione serva ad invertire la tendenza e a rendere possibile seguire le lezioni”. In occasione della protesta degli studenti del Canova di martedì scorso, la dirigente scolastica aveva immediatamente contattato la Provincia per un intervento urgente. All’ora di pranzo i tecnici erano intervenuti per risolvere il problema inserendo una valvola di sfiato nei termosifoni delle classi fredde. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Montebelluna, la mamma di Mattia ai funerali: «Chi ha sbagliato pagherà»

  • Attualità

    Vaccinazioni, Benazzi difende l'infermiera: «Non è una No Vax»

  • Attualità

    Vax Day per i 70enni: «Code in mattinata, rifiuti per AstraZeneca»

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento