rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Cronaca Selvana / Via Cal di Breda, 116

Ludopatia, quadro legislativo dalla Regione: "Problema sociale e criminale"

“L’azzardo non è un gioco, è un problema sociale con risvolti anche criminali – dichiara l’assessore regionale Corazzari – perché l’industria delle scommesse e del denaro ‘giocato’ è facilmente permeabile a illegalità"

TREVISO E' l’assessore regionale al territorio e alla sicurezza Cristiano Corazzari ad introdurre oggi 5 ottobre a Treviso, il seminario su “Il gioco d’azzardo in Italia: quadro legislativo, problematiche sociali e criminali, buone pratiche nei Comuni”, organizzato nell’auditorium Sant’Artemio dalla Regione Veneto in collaborazione con Avviso Pubblico, la Provincia di Treviso e il Forum italiano della Sicurezza urbana. La giornata di oggi è la prima di quattro seminari di formazione rivolti ad amministratori, dipendenti pubblici, polizia locale, professionisti e mondo delle associazioni, nell’ambito del progetto regionale ‘Conoscere le mafie, costruire la legalità’.

“L’azzardo non è un gioco, è un problema sociale con risvolti anche criminali – dichiara l’assessore – perché l’industria delle scommesse e del denaro ‘giocato’ è facilmente permeabile a illegalità, riciclaggio e infiltrazioni della criminalità organizzata. La Regione Veneto ha assunto da tempo strumenti di prevenzione e contrasto al diffondersi delle ludopatie, individuando anche precise norme di tipo urbanistico per consentire ai Comuni di regolamentare la presenza dei punti gioco e di assumere iniziative a tutela dei cittadini potenzialmente più esposti, come i minori e gli anziani. Quella intrapresa da molte delle amministrazioni comunali del Veneto è una battaglia difficile, ostica e anche molto osteggiata, ma che la Regione sostiene con convinzione e piena condivisione, sia con i propri atti legislativi e sia in sede nazionale. La recente intesa raggiunta nella Conferenza Stato-Regioni ha riconosciuto, su esplicita richiesta del Veneto, le misure più restrittive di prevenzione e contrasto adottate dagli enti locali, come orari di apertura e distanze minime dai luoghi di aggregazione. La legalità si difende anche così, anteponendo la salute delle persone e il bene delle famiglie, agli interessi delle lobbies dell’azzardo” .

Al centro del seminario (dalle ore 9.30 alle 16), moderato dal giornalista Mauro Pigozzo, ci sono le problematiche sociali e criminali create dal gioco d’azzardo, analizzate da magistrati ed esperti della Direzione nazionale Antimafia, dal responsabile dell’Osservatorio di Avviso Pubblico, Giulio Marotta e dall’assessore al commercio del comune di Pavia, Angela Gregorini. Nel pomeriggio sono previsti lavoratori di gruppo dedicati ad approfondire casi specifici.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ludopatia, quadro legislativo dalla Regione: "Problema sociale e criminale"

TrevisoToday è in caricamento