rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Via Fossaggera

Malato terminale si lascia morire in casa di cura a Treviso

Un malato terminale, ricoverato in una casa di cura, ha chiesto di non essere alimentato o idratato e di essere lasciato morire. L'equipe medica ha scelto di assecondare la scelta del paziente

Malato di tumore in fase terminale, un settantenne ha deciso di lasciarsi morire, rinunciando a cibo e acqua.

È successo a Treviso, nella casa di cura “Casa dei Gelsi” dell’associazione Advar. La vicenda risale a qualche tempo fa e a raccontarla è stato il responsabile della struttura, a un convegno.

Il paziente ha chiesto ai medici di non essere più alimentato né idratato e di essere lasciato morire.

"Dopo una serie di confronti, la nostra equipe composta da cinque medici, cinque infermieri, tre coordinatori ed uno psicologo – ha spiegato la dottoressa Anna Mancini – ha deciso di rispettare la volontà del paziente".

"Lui era destinato a morire e noi non abbiamo accelerato alcun percorso – ha sottolineato la dottoressa – Il paziente era lucido e noi ci siamo limitati a rispettare le sue volontà negli ultimi giorni di vita".

Interpellato, Umberto Gasparotto, che coordina il Comitato etico dell'Usl 9 di Treviso, "se una persona è lucida non c'è nessuno che possa costringerla a mangiare e a bere; se queste sono cose che non vuole fare non le fa e basta".

"Non conosco questo caso – ha commentato Gasparotto – ma una cosa è certa: tutti gli interventi devono essere bilanciati tenendo sempre in considerazione quello che desidera la persona malata".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Malato terminale si lascia morire in casa di cura a Treviso

TrevisoToday è in caricamento