menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In pochi giorni sono caduti 250 millimetri di pioggia

Dopo cinque giorni di pioggia senza sosta, anche la Marca può tirare un sospiro di sollievo. I livelli dei corsi d'acqua continuano a calare.

Dopo cinque giorni di pioggia senza sosta, anche la Marca può tirare un sospiro di sollievo. I livelli dei corsi d'acqua continuano a calare. I tecnici stanno continuano a monitorare i fiumi.  28 idrovore consorziali hanno permesso di evitare l'alluvione. Il territorio meridionale del consorzio Piave si estende su quasi 18000 ha, da Roncade a Oderzo a Motta di Livenza, a ridosso dei grandi fiumi che scorrono arginati, come Livenza, Piave, Monticano, Sile. Dopo quasi 250 mm di pioggia in 5 giorni, pari a circa 1/3 della precipitazione media di un anno, i terreni sono diventati acquitrini, l’assorbimento nullo e tutta la pioggia si riversata nei canali e nelle aree più depresse. 

Il peggio è passato ed è stato evitato: gli allagamenti hanno riguardato soprattutto le aree agricole, contenuti o assenti i disagi in aree urbane in particolare nei centri più importanti come Motta di Livenza, Gorgo al Monticano, Oderzo, Roncade, Meolo, Monastier. Persiste il problema della risalita della falda, direttamente conseguente agli eccezionali e continuati apporti meteorici, che mette a dura prova gli interrati non perfettamente impermeabilizzati.Nell’alta pianura, compresa tra Castelfranco, Montebelluna e Treviso, il riempimento controllato delle 10 casse d’espansione oggi attive, per un volume totale di oltre 1 milione di mc di invaso, ha permesso di scongiurare la tracimazione dei corsi d’acqua più insidiosi come il Brenton e l’Avenale. La sola ex-cava di Riese, inaugurata nel 2012, per la prima volta è giunta quasi a completo riempimento, cioè quasi 500.000 mc.

Anche la cassa d’espansione di via Grotta a Castelfranco, ultimata da tre mesi, si è riempita quasi del tutto, contribuendo in modo determinante a contenere i disagi nell’area a sud di Castelfranco. Ora inizieranno i lavori di costruzione di due ulteriori casse di espansione lungo il Rio Dosson a Preganziol, dove si sono verificati gli allagamenti nelle zone già interessate dagli stessi fenomeni. Sono inoltre in corso i lavori di costruzione della cassa d’espansione di Sernaglia della Battaglia lungo il torrente Patean. In area a sollevamento meccanico tra Fontanelle e Lutrano si procederà a breve all’affidamento dei lavori nel bacino Dolza-Trattor, che prevedono tra l’altro il potenziamento dell’idrovora e il recupero di un invaso da destinarsi alla laminazione delle piene.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Attualità

L'Arsenale di Roncade ceduto al fondo francese C-Quadrat

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento