menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Minorenne costretta a chiedere l’elemosina, multa e denuncia per la madre

Blitz della polizia locale mercoledì mattina al mercato di Montebelluna. Madre e figlia stavano chiedendo soldi in Piazza Marconi. Per la donna è scattata una sanzione da 300 euro

Mercoledì mattina, 23 ottobre, durante il mercato settimanale, su segnalazione di alcuni passanti, la Polizia locale di Montebelluna ha individuato una minorenne che stava chiedendo l’elemosina ai passanti nel bel mezzo della piazza.

I vigili, poco dopo hanno individuato la mamma della giovane, anche lei intenta a chiedere l’elemosina poco distante dalla figlia. Si tratta di due cittadine comunitarie, entrambe senza fissa dimora. La Polizia comunale ha quindi provveduto ad infliggere una multa di 300 euro alla signora sulla base all'ordinanza sindacale messa dal Comune che vieta l’accattonaggio. Nei prossimi giorni la donna sarà inoltre denunciata a piede libero all'autorità giudiziaria competente per aver utilizzato una minorenne per l’attività di accattonaggio. Il sindaco di Montebelluna, Marzio Favero, ha commentato la vicenda con queste parole: «Chiedere l’elemosina non è vietato dalla legge, tuttavia fingere di soffrire di menomazioni o utilizzare minori allo scopo è reato quindi soggetto a denuncia penale. Alcuni cittadini hanno segnalato questa mattina la situazione ed i vigili hanno provveduto come era doveroso fare. Non dimentichiamoci i diritti dell’infanzia tra i quali vi è quello di non essere strumentalizzati a fini economici da parte degli adulti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento