Veneto Stato, in cento a protestare contro Equitalia

Un centinaio di militanti dei movimenti indipendentisti si sono dati appuntamento davanti alla sede di Equitalia di Treviso per protestare contro cartelle esattoriali e confische

Erano un centinaio, stamattina, i militanti dei gruppi politici venetisti che, sotto la bandiera di “Veneto Stato”, hanno dato vita a un sit-in di protesta davanti alla sede travigiana di Equitalia, in via Montegrappa.

Tre fantocci con il cappio al collo e la scritta “Suicida di Stato” e a terra dieci lumi accesi, in ricordo degli imprenditori che negli ultimi mesi si sono tolti la vita. Questi i simboli della protesta pacifica del movimento indipendentista contro l’azione vessatoria di Equitalia, contro le “cartelle pazze” e la confisca dei beni.

Seguendo le analoghe manifestazioni a Padova e Verona, i militanti di “Veneto Stato” hanno chiesto lo sgombero di Equitalia dal Veneto e, in particolare, da Treviso, il blocco di tutte le cartelle esattoriali e lo svincolamento dei beni confiscati.

Il direttore della filiale dell’agenzia di riscossione tributi ha accolto una delegazione dei manifestanti, molti dei quali appartenenti a “Life”, il sindacato degli imprenditori indipendentisti, e ha visionato il documento contenente le loro richieste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

Torna su
TrevisoToday è in caricamento